Dalla una R1 del '99 nasce una special dal nome che richiama i famosi aerei da combattimento

Presentata inizialmente con il nome di LM 847, la special su base Yamaha R1 realizzata dal noto preparatore francese Ludovic Lazareth, cambia nome (ora ufficiale), ma lascia inalterati i contenuti tecnici e stilistici già visti sulla LM. Linee mozzafiato che si abbinano a soluzioni non convenzionali per la Lazareth EuroFighter, un'opera che, come indica lo stesso nome, vuole trasmettere concetti aggressivi, proprio come i famosi aerei da caccia, gli EuroFighter Typhoon.


Pronta a far fuoco


La base di partenza è una Yamaha R1 del 1999 della quale Lazareth conserva motore e telaio. A questi elementi il cutomizer francese aggiunge un comparto sospensioni preso in prestito dalla famosa ELF 500, la moto da GP impegnata nel mondiale a metà anni '80, e che si distingueva per l'adozione di uno schema monobraccio sia all'avantreno che al retrotreno. Qui il tutto è stato implementato dall'adozione di due parafanghi, anteriore e posteriore, per rendere sicuro l'utilizzo su strada. Il concetto di aggressività, oltre che da una colorazione "total black" con elementi di spicco come il serbatoio in fibra di carbonio e il rosso vivo delle molle degli ammortizzatori TFX Supension, è esaltato dallo scarico posteriore che sbuca centrale e minaccioso dietro alla sella del passeggero... esattamente come un cannone pronto a far sentire la sua voce. Una soluzione che in pratica chiude le linee della moto fungendo da codone posteriore: quindi una doppia funzionalità, tecnica ed estetica. Il quadro si chiude con gli stop integrati nella cover dello scarico, la strumentazione Acewell e la componentistica Rizoma. Il prezzo dichiarato per la Lazareth EuroFighter è di 50.000 euro. Un costo che non appare eccessivo data la qualità e particolarità di questa fascinosa realizzazione.


 

Fotogallery: Lazareth LM 847