Sport

pubblicato il 20 luglio 2009

MotoGP 2009: Lorenzo vale il 92% di Rossi?

La matematica non è un'opinione: vale anche in MotoGP?

MotoGP 2009: Lorenzo vale il 92% di Rossi?
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Jorge Lorenzo - anteprima 1
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Jorge Lorenzo - anteprima 2
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Jorge Lorenzo - anteprima 3
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Jorge Lorenzo - anteprima 4
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Jorge Lorenzo - anteprima 5
  • MotoGP 2009, Sachsenring, Jorge Lorenzo - anteprima 6

La matematica non sbaglia e da un puro calcolo numerico in cui i fattori sono i punti raccolti sino ad ora a Rossi (176) e da Lorenzo (162) su 225 possibili si evince che, ad oggi, Lorenzo vale il 92% di Rossi. La nostra è solamente una provocazione, figlia del fatto che il tavulliano ed il maiorchino guidano la stessa moto con le stesse gomme, ma forse può tornare utile per dare un valore al potenziale di Lorenzo, a fronte di un numero di gare 2009 (nove) sufficientemente ampio per fare media.

Una media che in sé contiene molte domeniche in cui Rossi ha fatto "il Rossi" ed altre, in particolar modo nell'incertezza climatica delle prime gare, in cui Lorenzo ha potuto farci vedere quanto forte si può andare. Sull'umido, addirittura, Lorenzo si è "permesso" il lusso di schiacchiare il numero 46 giallo...arrivandogli addirittura davanti al Mugello, mentre in condizioni d'asfalto normali come al Sachsenring e Laguna Seca, Jorge non si è minimamente reso conto di aver preso sonori schiaffoni a due mani, parlando come se nulla fosse di suoi errori strategici nell'affrontare Rossi...

La realtà è che Rossi avrebbe anche un piano A, un piano B ed un piano C per rispondere agli attacchi della Yamaha numero 99, ma di questo sembra infischiarsene preferendo il giocare a "gatto e topo" stressando aspetti psicologici (come nel caso della gomma morbida con il profilo bianco cancellato...) e spingendo costantemente la lotta allo scontro fisico.

"E' stata una gara dura - ha dichiarato Lorenzo - perché questa pista è lenta e tortuosa ed è necessario usare tutta la forza che si ha per guidare al massimo. Tenere il passo di Valentino oggi per me è stata una grande sfida, specialmente perché non sono al massimo della forma dopo l’incidente di Laguna, per questo sono contento di essere stato in grado di pressarlo sino alla fine. Passarlo è stato molto difficile perché frena tardi e forte in ogni staccata, ed in realtà ho commesso un piccolo errore perché ho pensato che ci fosse qualche giro in più quando lo ho superato! Avevo pensato di superarlo e staccarlo, ma oggi non ha funzionato. Ovviamente sono amareggiato per aver perso un’altra gara così combattuta, è sempre triste, ma so di avere la capacità di battermi con lui e considerando la sua esperienza devo essere oroglioso. Il secondo posto è comunque importante ed il campionato è ancora molto lungo."

"Un altro brillante risultato per noi. Jorge - parla Daniele Romagnoli, Team Manager Yamaha box Lorenzo - ha disputato una grande gara ed il team ha fatto un ottimo lavoro trovando l’assetto e le gomme giuste per lui, oggi. Considerando il fatto che fisicamente non è al cento per cento, siamo impressionati che abbia potuto lottare così tenacemente sino alla fine e pressare Valentino sino all’ultimo giro, guidando ad un livello altissimo. Dobbiamo continuare in questo modo perché abbiamo ancora una possibilità nella lotta per il titolo."

Passando al futuro, quello di Jorge è davvero molto chiacchierato. Nonostante il muro, la situazione al box con Rossi è caldissima ed il fatto che ogni domenica non ci sia un esito positivo per lui non gli permette di avere tutto il potere contrattuale con Yamaha che desidererebbe. E' ovviamente interesse di Yamaha tenersi un campione come Jorge, ma è pur vero che se Rossi assicurerà altri 3/4 anni, il futuro di Jorge su qualsiasi delle M1 sullo schieramento sarà segnato. Meglio passare alla Honda, magari in un nuovo team privato con moto ufficiale gestito dall'amico, attualmente direttore del Reparto Corse Piaggio, Giampiero Sacchi? Forse sì.

Autore: Redazione

Tag: Sport


Top