Novità

pubblicato il 15 dicembre 2008

Ducati Stradaperta 1200

La matita di Poblete "renderizza" le prime indiscrezioni...

Ducati Stradaperta 1200
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Ducati Stradaperta 1200 - anteprima 1
  • Ducati Stradaperta 1200 - anteprima 2
  • Ducati Stradaperta 1200 - anteprima 3
  • Ducati Stradaperta 1200 - anteprima 4
  • Ducati Stradaperta 1200 - anteprima 5
  • Ducati Stradaperta 1200 - anteprima 6

A poco meno di 12 mesi dal lancio ufficiale, la nuova Ducati Stradaperta 1200 inizia ad essere sulla bocca e nei pensieri di tutti i motociclisti e degli appassionati delle Rosse di Borgo Panigale. Erede di quella che è stata vittima del suo design più che dell'essere intinsecamente "avanti" coi tempi, la Multistrada, l'inedita "tuttofare" Ducati manterrà quasi del tutto inalterato lo spirito multi-purpose della sua progenitrice, evolvendo profondamente nelle forme e nella meccanica.

Secondo le prime informazioni che abbiamo raccolto, "renderizzate" dalla celebre matita di Raffaele Poblete, Stradaperta dovrebbe essere il primo prodotto Ducati sul quale verrà installato il motore bicilindrico 1200 DS: terzo step della famiglia DS, il nuovo bicilindrico ad L raffreddato ad aria nasce per offrire prestazioni più elevate, non solo ai bassi e medi regimi. L'intento dei tecnici di Borgo Panigale, infatti, è quello di sfondare il muro dei 100 CV...senza però mettere da parte la proverbiale qualità dell'erogazione ai medi e bassi regimi, da sempre icona dei V2 Dual Spark. Come per il Testastretta della 848 prima e delle SBK replica poi, il 1200 DS sfrutterà la tecnologia sottovuoto Vacural per la fusione del carter, che permetterà di risparmiare circa 3 kg rispetto ad una procedura tradizionale.

Leggera, secondo la filosofia tutta Ducati "less is more", e con tutti i CV che servono per una moto di questa categoria, la nuova Stradaperta 1200 proporrà una versione rivista e corretta del telaio scomponibile già visto su Monster 696 e 1100. Al telaietto posteriore in fusione di alluminio, dunque, sarà unita per mezzo di bulloni ad alta resistenza la struttura superiore a traliccio di tubi d'acciaio, che avrà forma e misure diverse rispetto a quelle delle Monster.

Forcella a steli rovesciati, monobraccio posteriore ed impianto frenante Brembo ad alte prestazioni, la nuova Ducati Stradaperta poggerà su ruote in lega d'alluminio da 17". Non vi sono rumors, per il momento, di una possibile declinazione enduro di questo progetto, ma non c'è dubbio sul fatto che il successo della ruota anteriore da 19" - vedi BMW GS - sia da tempo in fase di valutazione ai piani alti del marketing Ducati.

Rimaniamo in attesa di nuove informazioni riguardanti la Stradaperta: vi terremo informati, stay tuned!

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top