Alla scoperta del Centro Stile Benelli, per vedere come dalle intuizioni di oggi nascono le moto di domani.

Benelli ha una storia di 110 anni,un patrimonio unico che rappresenta una grande fonte di ispirazione per i designer chiamati a creare le moto restando fedeli all'immagine dello storico marchio pesarese.

Una storia centenaria

La Casa di Pesaro è la seconda azienda motociclistica italiana più antica ancora in attività: è stata fondata nel 1911 a Pesaro da Teresa Boni Benelli, vedova da quattro anni e con il difficile compito di assicurare un solido futuro ai sei figli Giuseppe, Giovanni, Francesco, Filippo, Domenico e Antonio. Tutti e sei i figli presero parte alla vita dell'azienda, con vari ruoli.

Giuseppe era impegnato nello sviluppo del motore e grazie alle sue capacità risultano a suo nome oltre 10 brevetti.

Giovanni è stato il suo braccio destro, nonché protagonista del rilancio del marchio nel prio dopoguerra, realizzando il Leoncino e le quattro cilindri da competizione.

Filippo è stato il responsabile amministrativo finanziario (quello che oggi viene definito CFO) della società, Francesco si è occupato della creazione della rete commerciale.

Domenico invece è stato il responsabile della gestione sportiva mentre Antonio un pilota quattro volte campione d'Italia con la Benelli 175 ed era definito "Girardengo della motocicletta" (come il famoso ciclistica dell'epoca) e "Cigno del motore" (accostandolo al celebre concittadino Gioachino Rossini definito il "Cigno della musica").

In sella alle Benelli trovarono vittorie e fama piloti come Dario Ambrosini e Kel Carruthers (due titoli mondiali nella classe 250 nel motomondiale 1950 e con 1969); Tarquinio Provini, Renzo Pasolini, Jarno Saarinen e Mike Hailwood.

Dopo l'uscita della famiglia Benelli e diversi passaggi di proprietà, dal settembre 2015 la casa italiana è in mano al colosso cinese Qianjiang Group, società cinese costruttrice di motocicli e motori di piccola cilindrata, proprietaria dei marchi Keeway e Generic.

La nuova proprietà è ben consapevole che la produzione e l'attività ingegneristica sono il punto di forza di Benelli e decide di mantenerle a Pesaro.

Dalle intuizioni di oggi nascono le moto di domani

Quindi, nonostante qualche indiscrezione riguardo le imminenti novità del marchio pesarese, secondo le quali i nuovi modelli progettati in comune con Qianjiang verrebbero sviluppati in Cina, i nuovi modelli Benelli vengono concepiti, sviluppati, progettati e prodotti in Italia, nello stabilimento di Pesaro.

Benelli ha aperto le porte del suo Centro Stile, mostrando in un video-viaggio il reparto dove ispirazione e creatività si fondano dando vita a prodotti capaci di conquistare gli appassionati delle due ruote e della storia di Benelli.

Il Centro Stile Benelli si trova a Pesaro ed è stato inaugurato nel 2015 ed è composto da un team di designer chiamati a dar vita alle creazioni del marchio, che si devono contraddistinguere con un tratto unico ed inconfondibile.

La tana del Leoncino

È sempre qui che nasce la gamma Leoncino, nel segno della tradizione e della storia centenaria della Casa di Pesaro, dove ha preso forma anche la nuova Leoncino 800.

“Conoscere la nostra storia ci aiuta a disegnare il nostro domani - spiega Stefano Casanova, responsabile Centro Stile Benelli - Questo per noi è grande fonte di ispirazione ma anche una grande responsabilità: molte delle moto realizzate sinora sono rimaste vere e proprie icone e ci guidano nel descrivere il nuovo linguaggio estetico formale che ci porterà nel futuro”.

E sulla gamma Leoncino aggiunge: “L’obiettivo è far incontrare l’eleganza e la atemporalità dell’età classica con la potenza e la dinamicità del mondo moderno. Questa è anche l’essenza del codice estetico di Benelli”.

Si può seguire il Centro Stile Benelli anche sui social: infatti la casa italiana ha aperto la pagina Instagram “CentroStileBenelli, interamente dedicata al suo design center, dove tutti i fan possono scoprirne i segreti e rimanere aggiornati sulle nuove creazioni.

Fotogallery: Centro Stile Benelli