La casa indo-britannica potrebbe fermare a breve la linea di produzione del propulsore in gamma dal 1932

Cattive notizie per i fan di Royal Enfield: i più recenti standard antinquinamento, europei e indiani, potrebbero infatti scrivere la parola fine su un pezzo di storia del motociclismo: il monocilindrico raffreddato ad aria da 499 cc che muove le Classic della casa indo-britannica.

La notizia

A diffondere la notizia i colleghi britannici di MoreBikes, che, attraverso fonti vicine al marchio, hanno ricevuto conferme sui rumors in merito. Royal Enfield quindi smantellerà le linee di produzione del monocilindrico entro il 2020.

In India questi motori sono già stati sostituiti, mentre in Europa ancora riscuotono il loro fascino: le stringenti norme Euro5 però rendono impossibile aggiornare il propulsore, ponendo fine a una storia lunga 88 anni.

Una versione finale

Per celebrare un così importante congedo Royal Enfield dovrebbe realizzare una “Final Version” delle sue Classic equipaggiate dal monocilindrico da mezzo litro.

Per il futuro sarà il motore della Himalayan a dare il cambio al glorioso monocilindrico in pensionamento? Nel 2021 ne sapremo sicuramente di più.