Test

pubblicato il 4 giugno 2010

Metzeler Sportec M5 Interact - TEST

A Imola con lo stradale "pistaiolo" dell'elefantino

Metzeler Sportec M5 Interact  - TEST
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Metzeler Sportec M5 Interact - TEST - anteprima 1
  • Metzeler Sportec M5 Interact - TEST - anteprima 2
  • Metzeler Sportec M5 Interact - TEST - anteprima 3
  • Metzeler Sportec M5 Interact - TEST - anteprima 4
  • Metzeler Sportec M5 Interact - TEST - anteprima 5
  • Metzeler Sportec M5 Interact - TEST - anteprima 6

Lo sviluppo della gamma di prodotti stradali sportivi Metzeler trova una specie di "uovo di Colombo" nel nuovo Sportec M5 Interact. Erede del ben noto Sportec M3 - una delle coperture più apprezzate dagli amanti della guida sportiva stradale che vogliono una gomma capace di resistere agli strapazzi della pista - lo Sportec M5 Interact si giova di una serie di innovazioni tali da renderlo praticamente universale.

Se avete una naked ad alte prestazioni, una supersportiva o una sport-touring, e macinate chilometri in ogni stagione, su ogni tipo di strada ma anche in circuito, nello Sportec M5 Interact trovate la via maestra per il divertimento e la sicurezza in tutte le condizioni di guida. Del resto la gamma Sportec si posiziona esattamente al centro tra i due estremi - pista e strada - rappresentati dai prodotti specifici: Racetec e Roadtec. Più facile di così...

Il segreto sta nella tecnologia della carcassa a cinque zone di tensione che permette allo pneumatico di avvantaggiarsi di un diverso tensionamento della cintura in acciaio a seconda della condizione di guida: marcia rettilinea, piega moderata, piega estrema. Non è un multimescola ma ne replica e amplifica i vantaggi evitandone i difetti. Ve lo avevamo presentato già a fine gennaio con dovizia di particolari tecnici e poco dopo, a febbraio durante un'intervista, Luca Zaccomer - brand manager Metzeler - ce ne aveva svelato alcune caratteristiche particolari.

L'INTERVISTA
Abbiamo incontrato di nuovo l'Ing. Zaccomer a Imola, durante la splendida giornata in pista "Mescola Imola" organizzata da Pirelli/Metzeler, e dopo aver provato a lungo il nuovo Sportec M5 Interact su due Yamaha R1, gli abbiamo rivolto nuovamente qualche domanda.
Qual è il target dello Sportec M5?
"E' la gomma stradale con prestazioni tali da poter soddisfare anche in pista. Non nasce per il circuito, ma per la strada, però carcassa, mescola e disegno del battistrada sono tali da sostenere senza problemi anche un uso prolungato in circuito senza un decadimento del rendimento tale da compromettere feeling e sicurezza."
L'avete montata sulle due R1 disponibili per le prove. Non è un azzardo per una gomma stradale?
"In realtà lo abbiamo proprio fatto apposta! Tra tutte le 1000 cc superbike l'R1 è quella con la più robusta erogazione di coppia ai bassi e medi regimi; montando le Sportec M5 Interact sull'R1 abbiamo voluto farvi vedere di cosa è capace questo straordonario pneumatico."
Dopo una giornata in pista senza interruzioni sembra ancora in condizioni di girare...
"E' uno dei suoi punti di forza. Oltre all'ottimo feeling presenta anche una durata eccellente ma soprattutto un'usura uniforme. Normalmente un pneumatico stradale, anche se ad alte prestazioni, subisce le sollecitazioni della pista surriscaldandosi, scivolando e strappandosi sul battistrada. Invece il nostro M5 ha un'usura regolare dal centro alla spalla, sia all'anteriore che al posteriore. Oggi le due R1 hanno fatto ognuna più di 200 km di pista, eppure potresti rientrare ora e girare ancora con tempi assolutamente interessanti."
A che tipo di moto è dedicato lo Sportec M5 Interact?
"E' una gomma pensata per tutte le moto sportive, dalle naked alle superbike passando per le sport-touring e, volendo, anche per le granturismo, dato che è una gomma con focus sulla strada. Noi pensiamo che sia la scelta migliore per tutti coloro che vogliono una sola gomma per coprire uno spettro di esperienze di guida molto ampio, dall'uso quotidiano, al passo di montagna, senza dover cambiare set di gomme per qualche uscita in circuito con gli amici."
Resa chilometrica?
"In linea con quella dell'M3. Diciamo che se usata in maniera eterogenea, quindi non solo passi di montagna e pista, può arrivare a 7-8.000 km. In ogni caso quello che ci preme sottolineare è la costanza di rendimento: uno Sportec M5 Interact con il passare dei km si consuma ma non si deteriora fino al punto di non dare più un grip soddisfacente e un feeling sicuro. Siamo molto orgogliosi di questo prodotto!"

IMOLA!
Dobbiamo essere onesti, appena viste le due R1 con cui avremmo dovuto girare sul circuito di Imola siamo rimasti un po' perplessi; con tutti quei cavalli e quella coppia e con un'intera giornata di pista da affrontare, avremmo preferito dei Racetec. Ci siamo però dovuti ben presto ricredere. Già dal primo turno delle 9.00, con aria fresca e asfalto freddo, abbiamo trovato un feeling rassicurante con l'avantreno. Le Sportec M5 Interact sono entrate velocemente in temperatura e con il passare dei giri hanno mostrato una piacevolissima neutralità di rendimento.

INSERIMENTO, PERCORRENZA, USCITA
Per prendere le "misure" all'M5 è bastato davvero poco. Una volta capito che il grip "c'è", ed è anche notevole per una gomma concepita per la strada, abbiamo cominciato a forzare un po', affidandoci alle gomme per staccate più decise con inserimenti a freni tirati fin dentro la curva. L'avantreno dell'R1 (su cui abbiamo mantenuto assetto standard, quindi piuttoso morbido) comunicava perfettamente tutto quello che succedeva nel punto di contatto tra gomma e asfalto. In percorrenza il grip offerto invita a fidarsi regalando pieghe da gomma racing e in uscita si può prendere in mano il gas piuttosto presto. Merito evidentemente delle cinque zone di tensione della carcassa, che nel punto intermedio, quello in cui tipicamente la sollecitazione dell'accelerazione a moto inclinata è massima, permette di scaricare a terra i cavalli senza timore di scodate improvvise e pericolose.

PROMOSSE!
Avete una naked, maxi o media? Una sportiva a 4 o 2 cilindri? Vi piace limare le pedane sui passi di montagna e togliervi di tanto in tanto un po' di "ruggine" in pista? Lo Sportec M5 Interact è la gomma perfetta per voi, anche perché grazie all'alto contenuto di silice (portato dal 30 al 55% rispetto al precedente Sportec M3) il rendimento è eccellente anche sul bagnato!
Lo Sportec M5 Interact è disponibile nelle misure 120/70ZR17" e 120/60ZR17" per l'anteriore e 160/60ZR17", 180/55ZR17", 190/55ZR17"e 190/50ZR17".

Autore: Costantino Paolacci

Tag: Test , test


Top