Novità

pubblicato il 19 dicembre 2009

Aprilia RS 125 2010

Bianco Glam, Nero Aprilia o Replica SBK?

Aprilia RS 125 2010
freccia per aprire fotogalleryfreccia per aprire fotogallery
  • Aprilia RS 125 2010 - anteprima 1
  • Aprilia RS 125 2010 - anteprima 2
  • Aprilia RS 125 2010 - anteprima 3
  • Aprilia RS 125 2010 - anteprima 4
  • Aprilia RS 125 2010 - anteprima 5

Nel mercato delle ottavo di litro, la Aprilia RS 125 2010 reciterà certamente un ruolo molto importante: per lei i tecnici di Noale non hanno messo a punto particolari novità, visto e considerato che si tratta ancora di una delle migliori rappresentanti del lotto, limitandosi a rinnovare l'aspetto introducendo grafiche più personali ed ispirate al mondo delle corse.

A fianco dei nuovi Bianco Glam e Nero Aprilia, infatti, viene confermata l'intrigante Replica SBK, con tanto di numero 3 su cupolino e codone: un tributo a Max Biaggi ma soprattutto ad un ritorno, quello del Leone nel Mondiale SBK, che ha lasciato il segno con numerosi podi ed una entusiasmante vittoria.

Monocilindrico, due tempi, raffreddato a liquido ed alimentato per mezzo di un carburatore da 28 mm "gestito" da un pacco lamellare, il 124,8 cc. firmato Rotax eroga 15 CV: pochi rispetto ai 34 di cui sarebbe capace in configurazione full-power, ma la legge impone vincoli severi e per andare oltre non serve solo lo specifico kit, ma anche un'area privata.

Una pista, ad esempio, all'interno della quale sfruttare a fondo una ciclistica "oversize": telaio in alluminio a doppio trave inclinato, forcellone in fusione di alluminio con bracci asimmetrici si abbinano ad un monoammortizzatore regolabile nel precarico ed una forcella upside-down con steli da 40 mm.

Un'impostazione tecnica "senza mezzi termini", che brilla anche alla voce impianto frenante: il disco anteriore da 320 mm, infatti, è morso da una pinza radiale a quattro pistoncini mentre sul 220 mm posteriore lavora una più tradizionale pinza a doppio pistoncino.

Cerchi da 17" di derivazione stilistica RSV4, gommati 110/70 e 150/60, interasse di 1345 mm ed un peso a secco di circa 130 kg, completano un quadretto tecnico che, ad oggi, non è davvero secondo a nessuno.

Nota dolente il listino, che non dovrebbe discostarsi troppo dai 5.500 euro richiesti nel 2009.

Autore: Redazione

Tag: Novità


Top