Dalla Nuova Zelanda arriva una soluzione per divertirsi nell'offroad senza inquinare e fare rumore, il ciclomotore elettrico Ubco 2x2.

Per il tempo libero o per le consegne nelle zone a traffico limitato o per il lavoro in campagna, il ciclomotore elettrico Ubco 2x2 è la soluzione per il trasporto di persone e cose che non deve rispondere all'ansia delle emissioni, arrivando dove si vuole, anche in cima alla montagna. O quasi.

Ciclomotore elettrico

Il 2×2 è una soluzione innovativa, pulita, silenziosa ed ecologica al traffico cittadino e al relativo inquinamento atmosferico, sotto forma di ciclomotore elettrico.

È prodotto dalla società neo zelandese UBCO, specializzata in ciclomotori elettrici e nata sull’idea di un veicolo elettrico utilitario (UEV) pensato per cambiare il modo in cui le persone guidano, lavorano e giocano.

Il 2×2 è un ciclomotore elettrico a 2 ruote motrici pronto per la strada e il fuoristrada, perfetto per qualsiasi utilizzo: per i pendolari urbani allergici al traffico cittadino, per chi aspetta il week end per fare quattro salti nella natura e per chi cerca un veicolo pratico per il trasporto di cose.

È proposto in due modelli: il 2x2 ADV e i 2x2 WRK, il primo è più indicato per un uso a 360° mentre il secondo è pensato per un utilizzo professionale nella vita nei contesti rurali.

La batteria al litio è rimovibile e permette, anche a seconda dello stile di guida, un'autonomia di 120 km.

Il ciclomotore offre molte funzionalità tra cui due porte di ricarica USB e una presa da 12 volt, una connettività bluetooth e si collega a un'app per smartphone.

L'Ubco 2x2 si può ordinare online e per essere spedito in tutto il mondo.

Fotogallery: Ubco 2x2

Colori e prezzi

Ubco 2x2 ADV è disponibile in colore bianco ad un prezzo che varia a seconda della capacità della batteria: la versione da 2100W costa 6.800 euro, quella da 2600W 7.000 euro e quella da 3100W 7.200 euro.

Ubco 2x2 WRK invece è disponibile in colore bianco in tre diverse capacità: 2100W (6.500 euro), 2600W (6.700 euro) e 3100W (6.900 euro).

L'azienda

La Ubco è un'azienda giovane, o una start up come si direbbe secondo la modera terminologia attuale.

Nasce intatti nel 2014 da un'idea di Daryl Neal and Anthony Clyde, i suoi fondatori, che avevano individuato un vuoto nel mercato delle due ruote, dopo aver vissuto esperienze nell'industria delle bici elettrici per 10 anni.

L'idea era quella di creare EUV, ovvero un electric utility vehicle, un veicolo elettrico e leggero per il trasporto di cose e persone.

Così, dopo aver messo insieme un manipolo di persone specializzate, riuscirono a creare il primo prototipo dal peso di 40 kg e già in grado di incontrare il gradimento del pubblico alla prima uscita, in occasione di una fiera agricola: un mezzo del genere per i trasferimenti contadini non poteva che avere subito un ottimo riscontro tanto da riceve anche il primo premio all'innovazione.

Fu così che la Ubco si costituì, nel 2015, grazie anche all'investimento dell'organizzatore del premio, Timothy Allan, che dietro all'idea di Daryl e Anthony vide subito una bella idea da finanzarie e da supportare con la propria compagnie di ricerca e sviluppo.

Venne deciso anche il colore e, pensando a quelli delle altre case, rosso-Ducati, arancione-BMW, rosso-Honda etc, i ragazzi scelsero il binomio bianco-nero, semplice, diretto e facilmente identificabile, nonché utile per la creazione del brand.

E dal 2014 al 2021, nell'arco di 7 anni circa la Ubco, partendo dalla Nuova Zelanda, è riuscita a mettere le ruote tassellate del suo 2x2 nei campi di diversi paesi nel mondo.