Max Biaggi ha portato la Voxan Wattman, moto elettrica costruita a Montecarlo, alla velocità di 408 km/h, stabilendo 11 record.

La velocità ce che scorre nelle vene è come l'elettricità che scorre nei cavi elettrici. Non appena riattacchi la spina riparte e Max Biaggi, non appena indossati tuta, casco, stivali e guanti da moto e girata la chiave, sa sempre dare il gas.

Insieme alla Voxan Wattman dal 31 ottobre all'1 novembre ha battuto ben 11 record di velocità, affermandosi come la moto elettrica più veloce del mondo.

Anniversario coi fiocchi

Max Biaggi e Voxan, il costruttore di motociclette elettriche con base nel Principato di Monaco, hanno segnato con un successo il ventesimo anniversario del Gruppo Venturi, stabilendo un totale di undici nuovi record mondiali di velocità all'aeroporto di Châteauroux in Francia.

La velocità massima raggiunta nei tre giorni è stata di 408 km/h, mentre con la versione semicarenata della Voxan Wattman sono stati toccati i 366,94 km/h.

Il primo record, quello più ambito dei dodici ai quali aveva puntato il binomio italo-monegasco, è stato ottenuto la mattina di sabato 31 ottobre.

Max Biaggi ha portato la Voxan Wattman a raggiungere la velocità di 366,94 km/h, con una partenza lanciata, stabilendo così il nuovo primato mondiale di velocità per la classe “moto elettrica parzialmente aerodinamica oltre i 300 chili”.

Il precedente recorda apparteneva a Ryuji Tsuruta e Mobitec EV-02A con la loro velocità di 329 km/h (204 mph).

Durante il tentativo, la strumentazione della Voxan, con la sua carenatura grigia progettata da Sacha Lakic, segnalava la velocità massima di 408 km/h, raggiunta lungo un percorso relativamente breve, di 3,5 km.

L'ottimo risultato ha incoraggiato il team Voxan a puntare ancora più in alto con l'obiettivo di puntare ai 400 km/h di media.

Venerdì 30 invece è stato ottenuto il record con la Voxan Wattman in versione non aerodinamica, senza la sua carenatura e sulla distanza di 1 miglio.

La misurazione è stata la stessa: 1 miglio in direzioni opposte, in un periodo di due ore. Ancora una volta, la velocità finale era la media delle due velocità registrate su queste due corse: 349,38 km/h.

La strumentazione di bordo però ha mostrato che la Voxan Wattman, spinta dal suo potente motore da 270 kW (362 CV), con partenza lanciata ha raggiunto una velocità massima di 372 km/h, misura di buon auspicio per i prossimi tentativi, pianificati per la fine del 2022.

Fotogallery: Max Biaggi batte 11 record sulla moto elettrica Voxan Wattman

Gli altri nove record

La squadra di Gildo Pastor aveva nel mirino una serie di altri record mondiali. Dopo questi tre giorni di tentativi, questo è il resoconto finale:

- ¼ di miglio, partenza lanciata, parzialmente aerodinamico: 394,45 km/h - nessun record precedente
- ¼ di miglio, partenza lanciata: 357,19 km/h - nessun record precedente
- 1 km, partenza lanciata, parzialmente aerodinamico: 386,35 km/h - precedente
record: 329,31 km/h
- ¼ di miglio, partenza da fermo, non in linea: 126,20 km/h - nessun record precedente
- ¼ di miglio, da fermo, parzialmente aerodinamico: 127,30 km/h - precedente
record: 87,16 km/h
- 1 km, partenza da fermo: 185,56 km/h - nessun record precedente
- 1 km, partenza da fermo, in parte razionalizzata: 191,84 km/h - precedente
record: 122,48 km/h
- 1 miglio, partenza da fermo: 222,82 km/h - nessun record precedente
- 1 miglio, partenza da fermo, parzialmente aerodinamico: 225,01 km/h - nessun record precedente.

Le reazioni

Aver ottenuto queste prestazioni ha inorgoglito tutto il team, da Gildo Pastor, presidente di Venturi, azienda dalla quale è nata lo spin-off Voxan Wattman, a Max Biaggi, campione del mondo per quattro volte consecutive nella classe 250 e due volte in Superbike.
“Per me è stato importante celebrare il ventesimo anniversario dell'avventura elettrica del Gruppo Venturi.
Vista la situazione sanitaria, non è stato facile, ma grazie al duro lavoro e alla mentalità dimostrata da Max e dal team, abbiamo dimostrato di essere all'altezza della sfida – ha affertmato Gildo PastorA vent'anni dall'acquisto di Venturi, sono felice che il Gruppo possa ora affermare di aver creato le moto elettriche più veloci di sempre su due e quattro ruote (Venturi VBB-3, record FIA: 549 km/h - 341 mph), ma anche nella categoria delle quattro ruote a celle a combustibile (Venturi VBB-2, record FIA: 487 km/h - 303 mph)”.

“Quando Gildo Pastor mi ha avvicinato a questo progetto, ero curioso, molto motivato e allo stesso tempo un po' incerto – ammette Max BiaggiMa subito dopo il nostro primo incontro, mi sono subito reso conto che, come Gildo, le sue squadre erano guidate da un'incredibile convinzione e determinazione. Erano determinati a puntare ai 400 km/h su due ruote, dopo aver quasi raggiunto i 600 km/h su quattro ruote. Questi record mi rendono un uomo felice! Sono orgoglioso della squadra e sono felice di riportare questi titoli a Monaco!”.

“Crediamo che i veicoli elettrici siano il futuro e siamo orgogliosi di collaborare con le moto elettriche più veloci del mondo – afferma orgoglioso Jonathan Kendrick, co-fondatore e presidente di ROKiT, media company che si occupa della creazione e distribuzione di contenuti multimediali, nonché main sponsor del team Venturi di Formula E, il ROKiT Venturi Racing – Venturi e Voxan sono dei veri innovatori ed è emozionante per ROKiT essere parte della storia in divenire”.