La Aprilia RS 660 Trofeo impegnata in alcuni test prima del lancio ufficiale è stata filmata a motore acceso e il sound è da brividi.

Tempo di test per la versione da gara della supersportiva di media cilindrata: la Aprilia RS 660 Trofeo è impegnata in circuito, dove sta proseguendo il suo sviluppo in vista della competizione che dovrebbe partite nel 2021.

Impossibile resistere e postare sui social media il sound robusto e coinvolgente della nuova moto di Noale.

Un Trofeo dedicato

La Aprilia RS 660 è la supersportiva stradale che sta già facendo parlare di sé. I preordini sono già iniziati, con uno sconto di 300 euro, pari al costo di immatricolazione, per tutti gli appassionati che la ordineranno entro il 15 novembre.

Provata poche settimane fa sulle Pre Alpi venete, la RS 660 in versione stradale ha un motore dolce su tutto l'arco d'erogazione ma che dopo i 7.000 giri tira fuori il carattere racing e, impostando il riding mode in modalità Dynamic, sembra sviluppare anche più dei 100 CV a disposizione.

La RS 660 oltre a rilanciare lo storico marchio veneto del Gruppo Piaggio e un segmento, quello delle sportive medie che a metà anni '90 dello scorso secolo era il più importante, è stata sviluppata anche per le corse in pista.

Infatti, l'intenzione di Aprilia è quella di far partire l'anno prossimo una competizione monomarca con il patrocinio della FMI, come step successivo al Campionato Italiano FIM Aprilia Sport Production in sella alle RS 250 SP realizzate con Ohvale, con l'obiettivo è quello di far crescere giovani piloti verso categorie superiori.

Fotogallery: Aprilia RS 660 - Dettagli

Sound da Trofeo

Aprilia in questi giorni sta proseguendo lo sviluppo in circuito con il tester Tommaso Marcon.

Sui social è spuntato un video, pubblicato da Gabriele Malara, nel quale è possibile sentire il sound del bicilindrico uscire dallo scarico SC Project, appositamente sviluppato per l'uso in pista.

Informazioni ufficiali al momento non ce ne sono, sappiamo solo quello che si vede: la moto è caratterizzata da nuove carenature da pista, completamente nere.

La potenza del motore bicilindrico non dovrebbe essere molto superiore rispetto ai 100 CV della versione stock, mentre è da immaginare un nuovo assetto ciclistico più adatto all'uso racing, con semimanubri più estremi, forcella, ammortizzatore e freni più performanti.