Un casco jet che promette comfort e tecnologie da integrale. Sarà così? Scopriamolo con l'unboxing e la prova dello Scorpion EXO S1

L'amico più fedele del commuter cittadino? Il casco jet naturalmente. Un oggetto imprescindibile per chi ogni giorno sale in sella e affronta il traffico nel tragitto casa-lavoro, ma che a dispetto degli integrali raramente è protagonista di grandi innovazioni.  

Anche nel mondo dei caschi jet però ci sono passi avanti e proposte di rinnovamento. Scorpion Sports ha fatto la sua mossa per il 2020 con il jet EXO-S1, un casco che promette di portare comfort e protezione di integrali e modulari all'interno di un pratico open-face.

E come? Con alcune tecnologie e applicazioni che hanno già debuttato sui caschi racing e dedicati al turismo del marchio. 

I dettagli

Partiamo dalla calotta per esempio, che è realizzata in Ultra-TCT: un materiale che già fa parte della gamma Scorpion e che si fa notare per essere leggero ma comunque in grado di garantire una protezione molto alta, vista la capacità di assorbimento dell'energia nel caso di impatto, con la particolarità che questo materiale si deforma progressivamente, limitando al minimo il rischio di rottura della calotta. 

Scorpion ha scelto di usare tre diverse calotte nelle sei taglie disponibili, per dare un aspetto compatto al suo jet anche una volta indossato. 

Fotogallery: Scorpion Exo S1

Il comfort

Gli interni invece sono realizzati in schiuma 3D e rivestiti in tessuto anallergico e antimicrobico Kwikwick III. La scelta è ricaduta su questa fibra perché permette di mantenere la testa asciutta anche nelle giornate più calde, e permettono di indossare gli occhiali con il sistema KwickFit.

A contribuire alla freschezza di EXO-S1 naturalmente c'è anche il sistema di aerazione Aero-Tuned, posizionato sulla parte alta della calotta, mentre il deflusso dell'aria nella parte bassa del casco è assicurato dalla lunga e ampia visiera, sviluppata in galleria del vento, che può essere sostituita in pochi secondi grazie al sistema Elip-Tec senza attrezzi. La chiusura invece è il classico cinturino micrometrico 

Bene, le premesse e le promesse, ci sono. Ma l'EXO-S1 di Scorpion saprà mantenerle? Non vi resta che guardare il nostro Ridestyle, con l'unboxing e la prova del casco!