La maxi-enduro austriaca è stata di nuovo beccata su strada: motore Euro 5 e altri aggiornamenti previsti per il nuovo model year

Spuntano nel web nuove foto spia della KTM 1290 Super Adventure 2021, sorpresa durante alcuni test su strada ormai in una versione quasi definitiva.
Le novità maggiori, sia estetiche che tecniche, dipendono principalmente all'adeguamento del potente motore alle normative Euro 5.

Non solo conforme alle normative

Come avevamo già scritto tempo fa, i tecnici KTM alle prese con gli aggiornamenti tecnici della 1290 Super Adventure, soprattutto quelli per renderla conforme ai nuovi standard di emissione Euro 5.

Due muletti della potente adventure bike austriaca sono stati fotografati lungo le strade di Mattighofen in una versione molto vicina a quella definitiva.

Non ci sono sorprese rispetto a quella già fotografata lo scorso luglio anzi, le immagini confermano quanto ipotizzato al tempo.

Ovvero, nuove forme della carena per ospitare il motore aggiornato, ma anche per offrire maggior protezione ai mototuristi più esigenti.

Confermata anche la nuova conformazione del serbatoio, con una maggior capienza e un baricentro più basso, per una soluzione come quella della 790 Adventure.

Due versioni

Le foto spia (per guardare la gallery clicca qui) riguardano due varianti: uno completamente nero e un altro con un telaio a traliccio arancione nella parte inferiore.

KTM con ogni probabilità sta sviluppando simultaneamente anche la versione più sportiva, con un look dakariano, rivolta ai motociclisti che ricercano più avventura in sella alla propria 1290 Super Adventure.

Le due varianti differiscono per la parte inferiore: quella che possiamo definire più sportiva perde una parte di carena nella parte inferiore, per fare posto appunto ai tralicci ed è dotata di un paramotore in alluminio.

Altre differenze nell'equipaggiamento ciclistico riguardano forcella, ruote a raggi di dimensioni maggiori invece di quelle in lega e una conseguente maggior altezza da terra.

Tecnologia confermata

Quella bocca nella parte inferiore del cupolino che interrompe il gruppo ottico conferma le insistenti voci sulla presenza della tecnologia radar sulla maxi-enduro austriaca.

Nonché le voci riguardo lo sviluppo dell’Adaptive Cruise Control e il sistema di prevenzione degli incidenti, tramite l'utilizzo di un sistema di radar, con la combinazione di avvisi ottici e acustici al pilota.

Quello che non è ancora sicuro è se questa tecnologia verrà inclusa come dotazione di serie o come optional, oppure se sarà disponibile solo nella versione S.

Dettagli più precisi ovviamene saranno resi noti solo con il procedere degli sviluppi. Nel frattempo però non possiamo che apprezzare come l'adozione di sistemi di sicurezza stiano arrivando anche sulle moto.