eccato su strada un prototipo custom equipaggiato con il bicilindrico parallelo da 650 cc dell'Interceptor e della Continental GT

L'estate per le case motociclistiche è tempo di test su strada per i modelli prossimi alle presentazioni autunnali (sempre che ce ne siano, dati gli annullamenti dei saloni), mentre per gli appassionati significa anche foto spia.

Le ultime arrivano dall'India e si riferiscono alla novità di casa Royal Enfield. La casa anglo indiana è impegnata con gli sviluppi della nuova cruiser da 650 cc e da quel che si vede c'è qualche sorpresa.

Le Twins si allargano

Come molte altre case motociclistiche insegnano, anche Royal Enfield sta utilizzando il motore di 650 cc di cilindrata come piattaforma attorno alla quale produrre più modelli.

Dopo la Interceptor e la Continental GT, ora spunta la cruiser con lo stesso motore bicilindrico parallelo.

Dalle immagini, riprese da un blogger indiano, si vede la Royal Enfield nella versioni quasi definitiva, dalle forme classiche e morbide, lunga e con poca luce da terra e cerchi in lega.

Del motore non si vede granché ma i due scarichi laterali bassi suggeriscono escano proprio dal due cilindri già montato sui modelli nominati in precedenza.

Un altro indizio è dato dalla distanza dei piedi: a dividerli non può esserci il piccolo 350 cc delle Meteor ma un propulsore di cilindrata decisamente maggiore.

Con ogni probabilità inoltre, il motore dovrebbe essere rivisto per adattarsi allo stile della moto, con una coppia leggermente maggiore o disponibile ai regimi più bassi, tipica dinamica delle cruiser.

Fotogallery: Royal Enfield Cruiser 650cc foto spia

Le sorprese

Un'altra differenza rispetto a Interceptor e Continental GT è la forcella: sulla cruiser da quel che si vede è a steli rovesciati. Per Royal Enfield sarebbe il primo modello ad essere dotata di questa soluzione ciclistica.

L'altra novità è la trasmissione finale: come si vede nella foto di ¾ posteriore, sembra essere dotata di cinghia dentata.

La ruota anteriore appare di raggio maggiore rispetto a quella posteriore, dov'è montato un pneumatico di sezione più grande.

L'impostazione è quella tipica di una cruiser, con seduta bassa, sella sdoppiata, gruppi ottici a LED, strumentazione mista analogica e digitale.

Designer e tecnici Royal Enfield si saranno ispirati al concept KX, presentato a EICMA 2018, con la differenza che il serbatoio ha un aspetto più tradizionale, più grande e a forma di goccia, tipico di Harley-Davidson, mentre il grande parafango posteriore invece riporta alla Indian Scout.

Adesso non ci resta che aspettare l'annuncio da parte della casa anglo indiana, perché il prototipo è davvero ben definito e dovrebbe essere incluso nella line-up del 2021.