Il CEO del marchio indo-britannico ha assicurato che presto Royal Enfield debutterà nella mobilità elettrica. Sarà la prima modern-classic alla spina?

Leggi Royal Enfield e pensi alla tradizione: pochi marchi hanno saputo mantenere intatte le caratteristiche storiche dei propri modelli come la Casa delle acciaierie della Regina, ormai da tempo in mano a capitali indiani.

Come Harley-Davidson insegna però, c’è sempre spazio per una piccola rivoluzione, e Royal Enfield sta portando avanti la sua: debuttare nel mondo della mobilità elettrica.

Il futuro

L’indiscrezione arriva da una fonte più che autorevole, visto che a dare la notizia è stato il CEO Vinod Dasari, confermando così i rumors che circolavano sin dal 2018.

“La domanda da porsi non è se l’elettrico arriverà anche nella gamma Royal Enfield, ma semplicemente quando arrivera” ha commentato Dasari durante un’intervista al magazine economico MoneyControl.com, aggiungendo: “Abbiamo realizzato alcuni prototipi, abbiamo esaminato diversi segmenti e nel prossimo futuro debutteremo anche noi nel mondo dell’elettrico”.

Il lavoro nel Centro R&D di Leicester è quindi ancora in una fase di sondaggio, e Royal Enfield sta esaminando tutte le possibilità per allargare la propria proposta.

Le possibilità

Per un marchio con una precisa direzione intrapresa, vista la limitata gamma di motori (dai 350 cc fino ai 650 cc) e l’attenzione a mantenere un’offerta basata su listini accessibili a tutti, l’esordio nel mondo dell’elettrico non è certo cosa facile.

Royal Enfield infatti potrebbe puntare a debuttare con una moto a zero emissioni dall’autonomia e dalle prestazioni “medie”, cercando di abbassare il più possibile il prezzo e restare fedele alla sua linea, oppure tentare il grande passo producendo un mezzo capace di dar filo da torcere alle varie Zero Motorcycles, Energica e Harley-Davidson LiveWire.

Staremo a vedere, ma a sentire il CEO Vinod Dasari, non aspetteremo molto tempo prima di saperne di più.