Una start-up olandese con il supporto del colosso giapponese potrebbe proporre una nuova moto elettrica per gli amanti del cross.

Il mercato motociclistico internazionale offre moto elettriche per la città, per il turismo e per andare forte in pista. Gli manca una moto elettrica da cross.

Ci stanno pensando due aziende olandesi e una giapponese. Le prime due si occupano di sviluppare e produrre nel migliore dei modi batterie a lunga durata, mentre la seconda è un colosso mondiale del settore motociclistico: Yamaha, assistiti dall'associazione nazionale dei motociclisti.

Progetto nippo-olandese con appoggio reale

A dire il vero, ne è rimasta soltanto una. Che per il momento è la KTM Freeride E-XC, perché dalla scomparsa di Alta Motors, l'industria motociclistica non ha avuto un'offerta adeguata di moto da cross.

Qualche speranza ce l'aveva data il prototipo Honda CR-Electric ma tale è rimasto e al momento non c'è sorprendentemente nulla che possa saltare su una pista da motocross.

Però qualcosa potrebbe cambiare perché ci sono degli olandesi che hanno qualcosa in serbo, rimanendo sempre sul tono dell'arancione, dal colore aziendale di KTM a quello più patriottico del progetto olandese guidata da Spike Technologies e Dohms Projets.

Spike Technologies è una giovanissima azienda, nata nel 2017 e composta da 16 persone che si dedicano allo sviluppo e alla produzione di batterie ad alte prestazioni per qualsiasi applicazione, per consentire una mobilità elettrica sicura e sostenibile.

Dohm invece è una azienda di consulenza che offre servizi nei settori della produzione, offrendo supporto per le operazioni quotidiane nei progetti di investimento e di miglioramento e nell'ottimizzazione dei processi di produzione.

A dar loro supporto, niente meno che KNMV (la Reale Associazione dei Motociclisti Olandesi, nata nel 1907 come semplice associazione e nel 1917 divenuta Reale) e Yamaha Motors Europe.

Insieme hanno sviluppato la EMX Bike, una moto da cross elettrica che dovrebbe essere presentata a fine 2020.

Caratterstiche

Specifiche tecniche precise della EMX Bike al momento sono irreperibili, si sa solo che la moto promette prestazioni da 250 cc, è dotata di un pacco batteria estraibile e un potente pacchetto per andare forte nell'offroad.

Il telaio è quello della Yamaha YZ250F che sostiene il propulsore elettrico e dovrebbe fornire una piattaforma che si comporti in modo simile a quello che sono abituati gli attuali piloti di MX.

Il resto della EMX Bike sembra abbastanza standard, tipica di una moto da cross e, grazie all'assenza del motore termico, gli ingranaggi sono ridotti al minimo indispensabile.

Intravedendo il radiatore nella parte anteriore, si può pensare che il pacchetto batteria sia raffreddato ad acqua, anche se è difficile sapere quali parti specifiche potrebbero trarre vantaggio da una configurazione di scambio di calore tra liquidi.

emx yamaha yzf moto elettrica cross

Il coinvolgimento di Yamaha

Yamaha però oltre ad aver messo a disposizione il telaio della YZ250F non sembra coinvolta più di tanto e non si hanno informazioni circa l'entità del coinvolgimento della casa dei tre diapason.

Leon Oosterhof, della divisione Pianificazione prodotti di Yamaha Motor Europe ha affermato di essere contento di supportare questo progetto perché “riteniamo sia importante favorire gli sviluppi della tecnologia elettrica e non vediamo l'ora di testare e valutare il prototipo per capire come la tecnologia di Dohms e Spike si comporta nel telaio della nostra YZF".

Per sapere i numeri relativi alla potenza, alla coppia, al peso della EMX Bike, gli appassionati devono aspettare ancora un po', mancano infatti anche i dettagli relativi alla pianificazione della moto. Ma presto gli olandesi dovrebbero dare le risposte a queste domande fondamentali.