La casa dell'elica ha depositato la richiesta di brevetto per uno scooter con tetto rialzabile, simile al poco fortunato C1.

Capire dagli errori del passato per migliorarsi nel futuro. BMW sta cercando di rivedere la lezione negativa vissuta con l'esperienza dello scooter C1 per riproporre uno scooter con tettuccio.

Giù il cappello

Quando si sceglie lo scooter o la moto all'auto, si fa un compromesso tra comodità e sicurezza, preferendo la manovrabilità a una gabbia protettiva.

BMW in queste circostanze ci aveva già fatto una proposta, con lo scooter C1 provvisto di copertura e ora intende ripetere quell'esperienza che non è stata positiva, migliorandone alcuni aspetti con un sistema capace di offrire il meglio di entrambi i mondi, sotto forma di cellula di sicurezza rimovibile.

Il mese scorso il costruttore tedesco ha depositato una serie di domande di brevetto relative al design, una dimostrazione delle sue capacità innovative ma anche economiche, per finanziare lo sviluppo di una nuova idea.

Cabrio a due ruote

A dire il vero è giù da un po' che BMW sta sviluppando l'idea di un nuovo scooter elettrico, combinando aspetti ecologici del C-Evolution con quelli di sicurezza del C1.

Adesso questa nuova documentazione dimostra che quell'idea ha preso piede a Monaco di Baviera dove è stato fatto uno step ulteriore, dando forma al concetto e rivelando una serie di dettagli sul funzionamento.

Dai disegni si capisce che lo scooter è dotato di una struttura superiore rimovibile tramite alcuni bulloni che mantengono l'intera parte superiore in posizione.

Rimuovendo pochi bulloni, la parte superiore e tutto quello che viene integrato si può staccare dal resto della struttura, per ottenere uno scooter tradizionale, a propulsione elettrica.

Una sottospecie di cabrio a due ruote, ideale e protettivo per il pendolarismo urbano durante la settimana e pronto a rimanere essenziale e più scattante per il fine settimana.

Cura dimagrante

Un altro dei problemi del C1 era il peso: 185 kg sono il peso di una superbike da litro contro una potenza di una 125 cc.

Non proprio il massimo in fatto di prestazioni e maneggevolezza, che i tecnici di BMW hanno capito e hanno risolto sostituendo la cellula di sicurezza in alluminio con una in fibra di carbonio.

La cellula in carbonio è più leggera, flessibile e consente di dissipare la forza dell'impatto, dal disegno si capisce che si aggancia alla struttura dello scooter elettrico segnata con il numero 40 e che in caso di impatto dall'alto si schiacciano, per un ulteriore assorbimento dell'urto.

Massima sicurezza

Oltre a questo sistema di sicurezza ci sono due cinture, una per ogni spalla e agganciate a pretensionatori che stringono le cinture in caso di incidente.

Sono previsti anche gli airbag laterali, integrati nelle aree delle spalle, che si espandono impedendo alle braccia di fluttuare fuori dalla cellula di sicurezza.

Lo schienale, che fa parte del tetto rimovibile, è composto da cuscinetti che assorbono gli urti per proteggere la colonna vertebrale.

Per evitare che la struttura in fibra di carbonio renda lo scooter più sensibile al vento rispetto a uno scooter convenzionale, sono state montate quattro alette attive (con il numero 32), due nella parte anteriore vicino alla base del parabrezza e due nella parte posteriore.

Oltre a creare il carico aerodinamico, le alette agiscono come gli alettoni di un aeroplano modificando il loro angolo in risposta agli input dell'IMU della moto e al sistema di controllo della stabilità.

Se un vento laterale inizia a spingere la moto fuori asse, le alette si regolano automaticamente contrastando la forza ricevuta dalla scooter, rendendo la situazione inavvertibile al pilota.

Fotogallery: BMW scooter con tetto removibile

Fattore convenienza

La base di questo sviluppo è lo scooter elettrico BMW C Evolution, con telaio in alluminio che incorpora le batterie, bilanciando la massa montata sulla parte superiore.

Già il C Evolution non si può definire economico (il listino parte da 15.650 euro) e questa evoluzione in fibra di carbonio ricca di tecnologia, completo di airbag, cinture di sicurezza, tenditori e alette attive può solo lievitare il prezzo.

Ma con i tempi che corrono, caratterizzata dall'attuale emergenza sanitaria e con i posti nei mezzi pubblici dimezzati e potenzialmente rischiosi, la moto o lo scooter diventano dei veicoli in grado di garantire quel distanziamento sociale necessario. E uno scooter elettrico con tettuccio protettivo di sicurezza rimovibile potrebbe rivelarsi più utile che mai.