Royal Enfield gareggerà sugli ovali di terra americani con la sua moto da flat track realizzata sulla base della Interceptor 650.

Il flat track, o dirt track come lo chiamiamo qui, negli Stati Uniti è una competizione molto più famosa della MotoGP e i suoi piloti hanno più notorietà dei colleghi che corrono in sella ai prototipi.

A sfidare Indian Motorcycle e Harley-Davidson sta arrivando un altro marchio nelle prossime AFTS, formalmente conosciute come AMA Grand National Championship: Royal Enfield.

Di traverso sempre a sinistra

Andare forte in moto, girando sempre a sinistra con un piede quasi sempre a terra e la moto fuori asse con il posteriore di traverso perché si frena sempre con il posteriore, visto che il freno anteriore non è previsto.

Il campionato statunitense è stato fondato nel 1954 dalla American Motorcyclist Association (AMA) ed è stata la competizione motociclistica più famosa negli USA fino agli anni '70, quando le gare di supercross hanno iniziato a disputarsi nei grandi stadi americani, diventando così ben più popolare.

All'inizio era una sfida tra i due costruttori di moto: Harley-Davidson e Indian Motorcycles, rivalità interrotta negli anni '60 dai marchi inglesi come Triumph, Matchless e BSA e negli anni '80 dall'invasione delle moto giapponesi.

A breve un altro marchio farà la sua apparizione alle prossime AFTS.

Royal Enfield scende in pista

Infatti una Royal Enfield gareggerà nelle AMA Grand National Championship con una special su base Interceptor 650, realizzata in stile flat track in collaborazione con il centro tecnico di Leichester insieme ad Harris Performance e con l’azienda americana S&S Cycle, produttore di scarichi ed altre parti per le moto del campionato AMA Flat Track.

Il debutto è previsto per il prossimo mese ma era in programma per marzo, poi il coronavirus come sappiamo ha disorganizzato il mondo intero annullando o posticipando tutti gli eventi in programma.

La curiosità attorno alla moto anglo-indiana cresce, come quella per le prossime novità in cantiere: c'è anche un modello ispirato alle gare di traverso nei piani di Royal Enfield?

L'impegno della casa anglo-indiana nelle corse di traverso è dimostrato anche dalla realizzazione di una serie di special, ottenute sulla base della Himalayan, le FT 411, svelate nel novembre scorso. 

Questi modelli sono utilizzati dagli allievi della scuola di flat track di Royal Enfield, la Slide School con sede a Bangalore, in India, creata per accogliere motociclisti di tutte le estrazioni per aiutarli ad imparare l’arte di guidare di traverso.

Imparare a scivolare

La Slide School di Royal Enfield insegna proprio questo: a scivolare sull'ovale in terra battuta tenendo costantemente il manubrio sterzato a sinistra, col sedere della moto di fuori e il piede a terra.

E la Slide School ha debuttato in nord America grazie alla collaborazione con S&S Cycle e al pilota dell'American Flat Track Serie Johnny Lewis, che utilizzerà una Royal Enfield FT411, oltre a una FT 650 che sarà presto aggiunta come moto da formazione.

Lewis inizialmente aveva sviluppato il programma di scuola guida in India e quest'anno debutterà su piste selezionate negli Stati Uniti e anche presso la sua struttura di allenamento Moto Anatomy in Florida.

Fotogallery: Royal Enfield Slide School negli USA

"Sono entusiasta di continuare a costruire una relazione più profonda con Royal Enfield", ha affermato Lewis. “È stata una grande opportunità per mettere a punto il programma in India pur essendo immerso nella cultura del Royal Enfield.

Ho anche potuto vedere in prima persona quanto potenziale ha la FT411, anche solo come strumento di allenamento. Sono impressionato dalla sua versatilità e non vedo l'ora di portare i miei studenti in sella alla FT411. Royal Enfield è impegnata nella crescita del motociclismo e sono orgoglioso di far parte di questo sforzo".

Lewis gestirà le Scuole Slide dalla sua struttura di Moto Anatomy nella Florida centrale, anche in combinazione con alcuni round AFT.

Durante le scuole, ai partecipanti alla Slide School verranno insegnate le basi del flat track. Il programma fornirà a ogni ciclista di livello le competenze necessarie per diventare un tracker competente.

Il programma si basa su un corso di tre ore e mezza con una FT411 e i partecipanti useranno l'equipaggiamento fornito da alcuni sponsor, inclusi anche i sistemi di comunicazione interfono per un confronto immediato con l'istruttore. Il tutto per la cifra di 250 dollari.

Potrebbero essere previste anche altre date per il 2020. Le lezioni sono limitate a otto partecipanti per fascia oraria e saranno messe in atto adeguati accorgimenti e e linee guida di distanza fisica per garantire un ambiente sicuro per tutti i motociclisti e gli allenatori.