Il campione del mondo superbike cercherà di superare i 330 km/h di velocità con la Voxan Wattman, moto elettrica del Gruppo Venturi.

Anche se a casa la bacheca è ben fornita di trofei, dai quattro titoli consecutivi del mondiale 250 (tre con Aprilia e uno con Honda) ai 2 conquistati in Superbike (ancora con Aprilia), e la tuta e il casco sono appesi al chiodo, lo spirito competitivo non è facile da placare.

Lo sa bene Max Biaggi che a 49 anni appena compiuti si lancia in una nuova sfida.

Record di velocità per moto elettriche

Ad attendere il pilota romano c'è il record di velocità per moto elettriche sulla Voxan Wattman, prototipo a zero emissioni realizzato appositamente dalla Woxan Motors.

Il tentativo si sarebbe dovuto svolgere nel mese di luglio sulla salina di Uyuni, in Bolivia, ma l'emergenza coronavirus, i blocchi dei viaggi e l'incertezza che ha portato nel mondo ha costretto l'azienda monegasca a rinviare la sfida di un anno, a luglio 2021.

Così Biaggi e i tecnici Voxan stanno sfruttando il tempo a disposizione per immergersi nei test, come dimostra il profilo Instagram dell'ex campione di Superbike, che ha postato uno scatto preso nel weekend di lavoro ai box.

L’obiettivo è superare i 330 km/h e battere il record di velocità per una motocicletta elettrica semicarenata sotto i 300 kg di peso. L'attuale record è detenuto dal giapponese Ryuji Tsuruta che ha raggiunto i 329 km/h con una Motibec EV-02A.

Voxan e Biaggi stanno lavorando da un anno a questo record, quando il sei volte campione del mondo svolse dei test proprio sulla salina boliviana.

Per questa operazione, Biaggie e Voxan Motors possono contare anche su un partner come Rokit Group, media company che si occupa della creazione e distribuzione di contenuti multimediali, che è anche main sponsor del team Venturi di Formula E, il ROKiT Venturi Racing.

La moto

La Woxan Wattman è il prototipo di moto elettrica costruito appositamente per questa impresa e svelato in questi giorni.

È realizzata dalla Woxon Motors, azienda del Principato di Monaco di proprietà del Venturi Group, anche lei con sede a Montecarlo.

L'aspetto della Wattman è quella di un razzo, dove il pilota diventa un insieme unico con il mezzo. Ovviamente tutto è studiato nei dettagli più infinitesimali per rendere questa moto elettrica il più aerodinamica possibile.

È dotata di un motore elettrico da 317 kW, ovvero 425 CV, alimentato da una batteria da circa 16 kW che pesa 140 kg.

Un impianto di ghiaccio a secco evita che motore e pacco batterie si surriscaldino, funzionando proprio come un vero impianto di raffreddamento. Una soluzione che evita anche l'utilizzo di radiatori che andrebbero ad appesantire il veicolo e a impattare con il Cx.

A rallentare la moto né un freno anteriore (troppo pericolo a velocità così elevate) né un paracadute ma un solo disco posteriore.

Secondo i tecnici della Woxan Motors, la moto elettrica può superare i 330 km/h.

max biaggi voxan wattman

Woxan Motors e Venturi

La Voxan è una casa motociclistica francese fondata nel 1995 de Jacques Gardette. Venne acquistata nel 2010 dal Gruppo Venturi, dopo essere stata messa in liquidazione l'anno precedente.

La Venturi è una casa automobilistica francese fondata nel 1984 dagli ingegneri francesi Claude Poiraud e Gérard Godfroy. È stata acquisita nel 2001 dall'attuale presidente, Gildo Pallanca Pastor, che ha trasferito la sede nel Principato di Monaco.

Dopo essere stata acquisita da Venturi, la Voxan si è concentrata nella produzione di moto elettriche. Il risultato di questo investimento è la Wattman, realizzata nella doppia versione: stradale e high-performance che tenterà di battere il record di velocità.

Entrambe sono state realizzate da Sacha Lakic, designer di lunga data del Gruppo Venturi.

max biaggi voxan wattman

La versione stradale è stata presentata nel 2013. Ha un design futuristico, il motore elettrico ha una potenza di 150 kW (circa 203 CV) a 10.500 giri e una coppia di 200 Nm, capace di una accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi.

Ha una architettura innovativa, realizzata attorno al pacco batteria che ha funzione portante. Al posto del telaio un esoscheletro ultra rigido in alluminio che integra tutta la componentistica.

Fotogallery: Max Biaggi alla ricerca del record di velocità per moto elettriche