Anche sulle moto, BMW introduce il sistema di sicurezza che mantiene la velocità di crociera e la distanza dal veicolo che ci precede.

BMW introduce sulle moto il sistema di assitenza alla guida che  funziona tramite l'integrazione dei radar alloggiati nella parte anteriore della moto, la piattaforma inerziale, il motore, l'impianto frenante e una centralina dedicata.

Una combinazione di sicurezza e comodità di guida che farà piacere soprattutto ai mototuristi.

Velocità e distanza di sicurezza

A breve i mototuristi in sella a una BMW K 1600 Grand America, a una K 1600 GTL o GT, come ad una S 1000 XR, potranno viaggiare in totale sicurezza grazie all'Adaptive Cruise Control (ACC), il sistema di sicurezza che mantiene, oltre alla velocità pre-impostata, anche la distanza di sicurezza dal veicolo che precede.

Il dispositivo è disponibile sulle auto già da qualche anno e ora fa il suo esordio anche sulle due ruote, alzando gli standard di sicurezza.

Ma attenzione: la tecnologia sempre più invadente e invasiva non significa che guidare una moto diventi più semplice e sicuro.

In sella siamo sempre esseri umani e quindi dobbiamo sempre tenere gli occhi aperti e fissi su quello che succede attorno.

Esperienza di guida sempre più comoda

È piuttosto evidente come l'obiettivo dei tecnici di BMW Motorrad, ma anche di altre case come hanno dimostrato Kawasaki con il sistema di sicurezza predittivo e la start-up canadese nativa elettrica Damon Motorcycle, è quello di offrire motociclette sempre più sicure e di migliorare il livello di comodità dei motociclisti durante la guida.

L'ACC è il nuovo sistema di assistenza alla guida sviluppato in collaborazione con Bosch, azienda specializzata nel coadiuvare i piloti.

Il nuovo ACC offre il massimo comfort soprattutto per i mototuristi esigenti, regolando automaticamente la velocità impostata e la distanza dal veicolo che c'è davanti.

Come funziona l'ACC

Il sistema regola automaticamente la velocità della moto quando viene ridotta la distanza dal veicolo che precede e mantiene la distanza definita.

Questa distanza può essere variata in tre fasi. Tramite un pulsante posto sul manubrio, è possibile impostare comodamente sia la velocità di guida che la distanza dal veicolo che precede e le singole impostazioni vengono visualizzate sullo schermo TFT.

Il nuovo BMW Motorrad ACC ha due caratteristiche di controllo selezionabili: comoda o dinamica, in cui il comportamento di accelerazione e decelerazione viene modificato di conseguenza.

Il controllo della distanza può anche essere disattivato per poter utilizzare il Dynamic Cruise Control (DCC).

Controllo anche in curva

In curva, la velocità viene automaticamente ridotta dall'Adaptive Cruise Control se necessario e viene mirato un angolo di inclinazione adatto.

Ma se l'angolo di inclinazione aumenta, la frenata e l'accelerazione vengono limitate per privilegiare la stabilità e non turbare il motociclista a causa di brusche frenate o accelerazioni.

Tutto il sistema funziona tramite l'integrazione dei radar alloggiati nella parte anteriore della moto, la piattaforma inerziale, il motore, l'impianto frenante e una centralina dedicata.

L'ACC di BMW è un sistema di assistenza alla guida che lascia la responsabilità al pilota e gli consente di intervenire in ogni momento. Questo anche perché il nuovo il dispositivo risponde solo ai veicoli in movimento.

I veicoli fermi - come alla fine di un ingorgo o ai semafori - non sono considerati e in questi casi il pilota deve eseguire la frenata.

Fotogallery: BMW Motorrad Adaptive Cruise Control - ACC