Un possibile problema al reparto frenante ha costretto il marchio indo-britannico alla campagna di richiamo

Pit-stop forzato per alcuni modelli Royal Enfield. L’azienda ha infatti avviato una campagna di richiamo per Interceptor, Continental GT e Himalayan, a causa di possibili problemi di corrosione sulle pinze dei freni, dopo aver verificato un ridotto numero di casi a livello mondiale.

I rischi

L’azione corrosiva potrebbe provocare sull’impianto frenante dei modelli in questione il deterioramento al pistone della pinza e al suo alloggiamento. Gli effetti sarebbero rumori anomali durante la frenata, aumento della resistenza del freno e soprattutto una diminuzione della potenza frenante.

Nonostante i casi nel mondo siano meno di 5, la Royal Enfield ha deciso di avviare la campagna di richiamo sulle bicilindriche e sulla classic-crossover.

L’intervento

La campagna di assistenza riguarderà circa 15.200 moto vendute nel Regno Unito, in Europa e in Corea, che verranno richiamati presso le officine dei concessionari ufficiali Royal Enfield per ispezione, pulizia e sostituzione dei pezzi dove necessario.

Per avere maggiori informazioni e per prenotare un appuntamento i clienti potranno rivolgersi al concessionario locale più vicino.