Lo scooter triruota di Piaggio trova ali con capacità rotazionale indipendente, ma è molto probabile che a sfruttarle sarà una futura sportiva Aprilia

4Un Piaggio MP3 super-prestazionale nel futuro listino del marchio italiano? È possibile, anzi a vedere le immagini del brevetto globale depositate da Piaggio potremmo dire che è molto probabile.

Lo scooter triruota infatti trova nei disegni del centro Ricerca e Sviluppo intercettati dai colleghi americani di Motorcycle.com, una coppia di appendici aerodinamiche molto simili a quelle della Aprilia RS-GP del mototomondiale, che potrebbero trovare il loro posto anche nella gamma del gruppo.

Come funziona

La coppia di alette a C sono poste sulla parte anteriore dell’MP3: la parte superiore è in grado di muoversi e rotare verso l’alto o il basso in maniera indipendente o sincronizzata.

Le appendici sono controllate elettronicamente e mosse da motorini elettrici sotto la guida di un computer di bordo che elabora velocità, accelerazione e angolo di piega, regolando le ali di conseguenza.

Quando le due ali si muovono in maniera opposta (una verso l’alto e l’altra verso il basso) il sistema favorisce la discesa in piega del pilota, mentre quando si muovono in sicronia possono generare carico aerodinamico sull’anteriore o al contrario alleggerire la moto.

Lo scooter con le ali?

Al momento è difficile pensare che sia veramente il prossimo MP3 a portare in dote una tecnologia simile: più facile che queste ali possano sostituire quelle attualmente in dotazione alla RSV4 Factory, o perché no, andare ad arricchire la prossima Tuono V4 1100 Factory, vista la rivalità annunciata con un’altra naked “alata” come la Ducati Streetfighter V4.

Se non rimarranno solo un esercizio di stile, probabilmente le troveremo sulle 4 cilindri di Aprilia.

Fotogallery: Piaggio brevetta l'aerodinamica attiva su MP3