La Casa di Tokyo lavora su una nuova soluzioni aerodinamica, una coda “bucata” per estrarre le turbolenze posteriori

Mai come oggi quando si parla di prestazioni non si può non citare l’aerodinamica nelle moto: due termini che sono andati sempre a braccetto naturalmente, ma che nel presente trovano una nuova declinazione.

Se nelle superbike ormai è impossibile non notare le appendici aerodinamiche sulle carene, con Honda che ne ha innalzato il design inglobandole all’interno della sovrastruttura, ora l’aerodinamica la fa da padrona anche sulle hyper-naked: chiedere alle varie Ducati Streetfighter V4, KTM 1290 Super Duke R e MV Agusta Brutale 1000 RR per fare qualche nome.

Coda-spoiler

I brevetti depositati da Honda lasciano pensare che il lavoro svolto sull’ultima Fireblade possa avere un secondo capitolo, che riguarderebbe il posteriore: dai disegni infatti si vede come l’oggetto di studio sia una sella monoposto con una coda che si sviluppa verticalmente fino a terminare in uno spoiler con sostegno verticale.

La deportanza creata dall’angolo d’incidenza della parte superiore smaltirebbe le turbolenze che si creano nella schiena del pilota, aumentando l’efficienza aerodinamica e riducendo il “drag”.

Fotogallery: Honda brevetta il codone aerodinamico, i disegni:

Novità in vista?

Una soluzione del genere precluderebbe naturalmente la possibilità di viaggiare in moto in 2 e di agganciare bagagli alla moto. Un dettaglio che unito ai disegni, che mostrano una naked, potrebbe stonare.

Non è difficile infatti pensare che il codone aerodinamico venga portato avanti per le carenate giapponesi, ma potrebbe essere anche un indizio su una futura hyper-naked che sfidi le già citate protagoniste del segmento a breve.