Il GP d’Italia segue le sorti di Montmelo, Le Mans e tutte le altre tappe rimandate nelle scorse settimane. Al vaglio un nuovo calendario

La notizia è arrivata: dopo gli stop al Gran Premi di Francia e Catalogna le gare europee del Motomondiale che si sono susseguite negli ultimi giorni anche il GP d’Italia si piega all’emergenza sanitaria e viene rimandato a data da destinarsi.

Il messaggio

La comunicazione è arrivata nella mattinata di oggi, 7 aprile, da parte di Dorna, che ha diramato un comunicato:

La FIM, l'IRTA e la Dorna Sports si rammaricano di annunciare il rinvio del Gran Premio d'Italia Oakley e del Gran Premi Monster Energy de Catalunya, che si terranno all'Autodromo del Mugello dal 29 al 31 maggio e al Circuit de Barcelona-Catalunya dal 5 al 7 giugno, rispettivamente. L'attuale epidemia di coronavirus ha obbligato a riprogrammare i due eventi.

Dato che la situazione rimane in uno stato di costante evoluzione, nuove date per questi Gran Premi, così come i GP di Francia e Spagna recentemente posticipati, non possono essere confermate fino a quando non sarà più chiaro quando sarà possibile organizzare gli eventi. Un calendario rivisto verrà pubblicato non appena disponibile.

 

Il calendario

Al momento la tappa inaugurale è quella del GP di Germania del prossimo 21 giugno, che sarà seguito da una serie di tappe, tutte europee: Olanda, Finlandia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, San Marino e Aragon, prima di virare verso l’Asia e in coda, recuperare Austin e Rio Hondo, prima della tappa conclusiva di Valencia.