Alessandro Valia spreme l’ammiraglia supersportiva di Borgo Panigale sul circuito portoghese, fino ad oltre 300 km/h

Quando una superbike raffinatissima ed esclusiva incontra uno dei collaudatori più veloci del panorama mondiale, la superbike mette le ali!

Si potrebbe riassumere così l’ultima impresa del tester ufficiale Ducati Alessandro Valia sul circuito di Portiamao: protagonista assoluta è naturalmente la Superleggera V4.

Il video

“Tutto quello che senti è la pura emozione della velocità”. Valia ha sintetizzato così il suo giro a Portiamao con la Superleggera V4.

Un circuito non certo facile e per niente veloce, che mette a dura prova la stabilità e soprattutto la tenuta dell’anteriore di ogni moto con i suoi dislivelli repentini.

Uno scenario ideale per sfidare le capacità aerodinamiche da vera MotoGP della Superleggera V4, che come si vede dal video, hanno permesso a Valia di spremere al massimo la moto, fino a raggiungere i 307 km/h sul rettilineo del circuito.

La moto

La Superleggera V4 è spinta dal Desmosedici Stradale R più potente e leggero. Il V4 di 90° da 998 cc che pesa 2,8 kg in meno rispetto al V4 da 1.103 cc.

Grazie all'adozione dello scarico omologato Akrapovič, la potenza è di 224 CV in configurazione stradale ma diventano 234 CV montando lo scarico per uso pista Akrapovič in titanio, incluso nel Racing Kit fornito insieme alla moto.

La frizione a secco, la regolazione manuale del sistema desmodromico della distribuzione e la visualizzazione del cruscotto “RaceGP” derivata dalla Desmosedici GP20 di Andrea Dovizioso (ma solo per l'uso in pista e caricando la calibrazione motore per lo scarico racing) enfatizzano ulteriormente la connotazione racing della Ducati Panigale V4 Superleggera.

È inoltre l’unica moto al mondo omologata per uso stradale con tutta la struttura portante della ciclistica (telaio, telaietto, forcellone monobraccio e cerchi), realizzata in carbonio, che fanno risparmiare 6,7 kg di peso.