Sospesa la produzione di moto e scooter nei quattro stabilimenti italiani del gruppo fino almeno al prossimo 3 aprile

Dopo la chiusura prevista per la sanificazione delle linee produttive avvenuta dal 13 al 16 marzo, i quattro stabilimenti del Gruppo Piaggio sono costretti a fermare le attività produttive in virtù delle ultime disposizioni per contenere l’emergenza Covid-19.

Stop alla produzione

Così, fino al 3 aprile, gli impianti di Pontedera, Mandello del Lario, Noale e Scorzè dovranno sospendere la produzione di moto e scooter, mentre continuano i lavori concessi dal Dpcm del 22 marzo, come la manutenzione degli impianti e la messa in sicurezza della fabbrica.

La capacità produttiva dei marchi del gruppo rimane invece invariata negli stabilimenti del Sud-est asiatico: Piaggio ha infatti sedi produttive in India e Vietnam, e al momento gli stabilimenti in quella zona rimangono aperti.

Smart-working per l'estero

Proprio per questo motivo alcuni dipendenti, che intrattengono rapporti con le aziende e le sedi estere, continueranno a lavorare da casa per garantire il flusso di lavoro migliore e per non creare alcun disagio alla produzione dell’azienda dislocata all’estero.