Il Salone di Roma apre le porte dal 5 all’8 marzo: riding experience, retrospettive, aree tematiche e tanto intrattenimento

Roma Motodays arriva alla sua 12esima edizione, confermarndosi come punto di riferimento per il Centro-Sud Italia in ambito motociclistico.

Dal 5 all’8 marzo 2020 i padiglioni della Fiera di Roma accoglieranno eventi, piloti, personaggi dello spettacolo, convegni ma sopratutto migliaia di motociclisti e appassionati.

Le case presenti

Molti i costrutturi che esporranno la loro gamma e le novità 2020 a Roma Motodays. Benelli porterà le due versioni della Leoncino 800 insieme alla modern-classic Imperiale 400, Honda mostrerà la CRF1100L Africa Twin e il nuovo SH 125, Husqvarna invece la gamma Real Street ma anche le apprezzate specialistiche per l’enduro e il cross.

Presenti anche MV Agusta con la Brutale 1000 RR, Suzuki con la V-Strom 1050 XT, Yamaha con TMAX 560 e Tracer 700 e  KTM con i suoi 3 assi della nuova stagione: 390 Adventure, 890 Super Duke e l’attesissima 1290 Super Duke R.

Tanto spazio anche ai marchi di pneumatici e accessori, come Givi, Hevik, Kappa, Metzeler e Michelin.

motodays 2020

Il Rione Officine

Come è ormai consuetudine Roma Motodays da spazio e voce al custom capitolino e italiano.

Nel Rione Officine esporranno le loro special i garage e gli atelier più conosciuti del Paese, che si contenderanno il favore degli ospiti e dei personaggi presenti, oltre al titolo di miglior customizzatore del Salone.

Omaggio al Tre Cilindri

Dopo aver dedicato spazio ai 50 anni della Honda CB 750 Four lo scroso anno, nel 2020 Roma Motodays ha allestito una mostra-tributo ai motori tricilindrici. Triple Fever è infatti un’area espositiva dove saranno presenti i modelli storici e attuali che vantano  tre cilindri incastonati nel telaio.

I convegni e le aree speciali

Il Salone di Roma ospiterà anche dibattiti e confronti sulla mobilità del presente e del futuro. Oltre ai talk nei padiglioni ci sarà il Welcome Bikers, l’area più grande d’Italia dedicata al mototurismo, ma anche la Fondazione Meoni, con alcuni dei mezzi più belli e significativi nella storia della Dakar e per finire, i protagonisti dell’Africa Eco Race.

motodays 2020