L’esclusiva versione della superbike di Bologna si mostra spogliata delle sovrastrutture, con telaio, forcellone e cerchi in carbonio e molto di più

Sembra non avere più segreti la Ducati V4 Superleggera, versione dedicata ai clienti più esigenti e facoltosi del marchio di Borgo Panigale.

Dopo la pubblicazione dei documenti di omologazione, della scheda tecnica, e del primo video che mostra alcune delle caratteristiche del Project 1078 (chiamato così da Claudio Domenicali in una mail ai collezionisti), arriva un secondo filmato che rivela altri segreti dell’esclusiva superbike.

Nuda al dettaglio

Il video ci mostra come le indiscrezioni fossero fondate: telaio, telaietto posteriore, forcellone e cerchi saranno infatti in fibra di carbonio.

Le sospensioni sono firmate Öhlins con una forcella NPX25/30 all’anteriore e un monoammortizzatore TTX36 al posteriore. Il reparto frenante è affidato a Brembo, con pinze Stylema all’anteriore.

Il motore non sarà il V4 da 1.103 cc, bensì il 998 cc della Panigale V4R, con frizione a secco. 224 CV sulla ruota posteriore a 15.250 giri/minuto e un picco di coppia di 115 Nm a quota 11.750.

Numeri che aumentano con l’impianto di scarico Akrapovič in dotazione a chi acquistera la moto: 234 CV e 117 Nm di coppia, per un peso a secco che si ferma a 152 kg.

Le sovrastrutture

La carenatura sarà simile a quella della Panigale V4R, con l’adozione però di ali aerodinamiche biplano drerivata dalla Ducati GP16, in grado di generare, secondo la scheda tecnica, un carico sull’avantreno di 50 kg a 270%, ben il 67% in più della V4R e addirittura superiore a quello della GP19.

superleggera ducati

Il prezzo

Naturalmente se le caratteristiche della V4 Superleggera lasciano a bocca aperta,  il prezzo fa lo stesso effetto: si parla di 100.000 dollari, circa 90.000 euro.

La produzione inizierà ad aprile, assicurando 5 moto al giorno, con le consegne che partiranno a maggio 2020.