Andrew Short ha corso per 77 km sul cerchio posteriore, dopo aver prestato la gomma al campione Toby Price

Che la Dakar sia il palcoscenico giusto per vederne un po’ di tutti i colori non è certo una novità, ed è risaputo che tra i partecipanti ci sia un estremo senso di solidarietà.

Ma un pilota che si priva della propria gomma per far proseguire un altro, è un gesto più unico che raro.

Il gesto

Il giorno prima della tragica scomparsa di Paulo Gonçalves, Andrew Short si è reso protagonista di un gesto di rara generosità.

Al 420esimo km della sesta tappa infatti l’americano ha incrociato il campione Toby Price alle prese con una foratura. Senza pensarci troppo Short ha ceduto la sua gomma posteriore al pilota KTM, proseguendo per 77 km sul cerchione.

Il commento dei protagonisti

“La sesta prova è una di quelle che non dimenticherò mai!“, ha commentato Short sul suo profilo Instagram:  “Sono partito 3° tra le moto, e per la maggior parte della speciale è stata una giornata positiva: ero davvero veloce ed ho guidato bene fino al km 400, dove ho trovato Toby che aveva bisogno di una gomma. Dato che io sono indietro di oltre un’ora nella classifica generale e dopo aver rapidamente calcolato dove fossero i miei avversari attorno a me, ho preso una decisione che credo sia la migliore per tutte le persone coinvolte”.

Una decisione che ha certamente complicato la vita al pilota Husqvarna: “Ho guidato sul cerchione per 77 km prima di finire la speciale e poi per altri 114 km sull’asfalto fino alla prima area di servizio del tratto di trasferimento. E’ stata una corsa folle!“.

Non sono tardati ad arrivare i ringraziamenti di Price, campione in carica della Dakar: “Andrew mi ha prestato la sua gomma in modo tale che non dovessi continuare sul cerchione: non posso fare altro che ringraziarlo”.