L’intesa tra la casa di Milwaukee e il colosso cinese Q.J. ha portato la HD350 Project, un concept che presto diventerà realtà

Che Harley-Davidson stia puntando tutto sulla diversificazione non è certo un mistero: lo dicono le parole, quelle contenute nel manifesto More Roads to Harley-Davidson, ma anche i fatti, o meglio le moto: come l’elettrica LiveWire, e le future debuttanti Bronx e Pan America, rispettivamente prima streetfighter e maxi-enduro della storia del marchio.

L’accordo

A giugno 2019 poi la casa di Milwaukee ha stretto un accordo con Qianjiang Motorcycle Company Limited, con l’obiettivo di portare il marchio Bar&Shield su moto di piccola cilindrata destinate al mercato asiatico.

Così come altri marchi del calibro di BMW e Ducati, Harley-Davidson ha tutto l’interesse ad “attaccare” un mercato grande e con numeri da capogiro rispetto a quelli occidentali e per farlo ha deciso di unirsi ad una delle aziende di maggior successo in Asia, Q.J appunto.

harley-davidson china

La moto

La sigla dell’accordo di qualche mese fa si è evoluta nel tempo in un concept che presto vedrà la via dei banchi di produzione. Arriva quindi la conferma sulla piccola da 338 cc destinata al mercato asiatico, e vista la prossima produzione abbiamo anche qualche dettaglio in più.

Pur non essendoci ancora immagini del prototipo, i primi render suggeriscono che la piccola Harley-Davidson possa utilizzare un telaio già visto su una delle case-satelliti di Q.J.: quello dell’italiana Benelli 302S.

Anche il motore potrebbe essere quello della bicilindrica di Pesaro, che gioverebbe dell’aumento di cubatura dovuto dalla scelta del marchio americano per il futuro, trasformandosi nella 350S.

Naturalmente HD350 Project è un nome di “fabbrica”, pensato per portare avanti la produzione fino al debutto, e non si hanno ancora informazioni sul “battesimo” del modello.

Quello che è sicuro però è che la moto entrerà sul mercato tra la fine del 2020 e il primo semestre del 2021 e che resterà acquistabile solo sul mercato asiatico.