Il papà di Ducati 999, e di molte delle rosse di inizio 2000 firma una naked elettrica in collaborazione con l’azienda sudafricana BST

È stata la matita che ha firmato i successi di inizio millennio in casa Ducati, come Hypermotard, Multistrada e Ducati Sport Classic, ma nonostante un curriculum del genere Pierre Terblanche ha definito la sua ultima creazione “il mio lavoro migliore”.

La moto

La BST HyperTEK è la più recente fatica del designer di Uitenhage, creata insieme all’azienda sudafricana di ruote in carbonio BST, è una naked elettrica dal design originale e dalle caratteristiche premium.

Il telaio monoscocca in fibra di carbonio custodisce un propulsore elettrico DHX Hawk in grado di scaricare sulla ruota posteriore 107 CV e 120 Nm di coppia “istantanea”.

Fotogallery: BST HyperTEK

La batteria da 4.75 kWh si ricarica in 30 minuti e garantisce, secondo BST, 300 km di autonomia. Naturalmente i cerchi da 17”, con il posteriore in bella vista grazie al forcellone monobraccio, sono in fibra di carbonio e firmati BST.

Componenti che riescono a contenere il peso in 205 kg, un peso piuma per un’elettrica.

Dal concept alla realtà

Il prototipo svelato ad Eicma 2019 è destinato, secondo i piani di BST ad entrare in produzione, probabilmente in edizione limitata, nei prossimi 18 mesi. Il prezzo è di quelli importanti: sopra i 70.000 euro.