L’azienda asiatica Cargloss ha presentato un jet che permette alle donne musulmane di tenere il velo

Il casco deve essere per ogni motociclista un fedele compagno di viaggio, comodo e sicuro anche dopo ore di utilizzo, e spesso la ricerca del casco perfetto è questione di anni e di brutti mal di testa.

Se poi per motivi religiosi si indossa la hijab, o il velo, la questione diventa ancora più complicata.

La soluzione

Arriva dall’Indonesia e si chiama YRM Hijab: un casco jet che permette alle donne musulmane che si muovono in scooter e moped, che nel Sud-est Asiatico rappresentano una buona fetta di popolazione femminile, di indossare la hijab senza rinunciare alla sicurezza.

Il comfort è assicurato da un’area interna a spessore ridotto, in corrispondenza del punto più voluminoso della hijab, che però è stata rinforzata con uno strato di calotta in EPS più duro.

“In questo modo le donne che indosseranno il casco non sentiranno alcun punto di pressione o schiacciamento” ha dichiarato Maman Haruman, Capo del R&D di Cargloss.

Gli scenari

Seppur non ancora sul mercato, YRM Hijab dovrebbe essere venduo in indonesia per 27.000 rupie, meno di 20 euro.

Speriamo possa essere distribuito in tutto il mondo, visto che ancora alcune comunità Sikh, anche in Europa, si oppongono strenuamente all’uso del casco perché non in grado di accogliere copricapo religiosi.