Disponibili da ottobre le nuove Beta Xtrainer migliorate nel motore e ciclistica

Seguendo gli aggiornamenti della gamma racing RR, le nuove e meno estreme Beta enduro Xtrainer 250 e 300 ricevono diversi miglioramenti al propulsore e ciclistica con l’obiettivo di risultare ancora più facili ed efficaci.

Arriva il contralbero

I monocilindrici di 249 e 293,1 cc ricevono il contralbero di equilibratura che oltre a ridurre le vibrazioni, aumenta l’inerzia rendendo l’erogazione più dolce. Viene incrementata la lubrificazione della zona banco e migliorato il rotolamento del motore grazie al ridotto attrito radente laterale. I dischi frizione sono stati riprogettati con l’obiettivo di ottenere un innesto più morbido e controllato.

Questi monocilindrici 2T raffreddati a liquido sono equipaggiati con il sistema Beta Progressive Valve, che permette la regolazione tramite comodi registro esterno della valvola allo scarico, consentendo di adattare l’erogazione alle esigenze del pilota.

Beta Xtrainer 2020

Ciclistica ottimizzata

Anche la ciclistica è stata oggetto di miglioramenti per aumentare stabilità e trazione. Il forcellone è ora più lungo ed è abbinato ad un mono provvisto di cinematismo progressivo, mentre la forcella USD con steli da 43 mm risulta maggiormente controllata e più efficace sugli impatti più violenti. L’altezza sella di 910 mm è più bassa di 20 mm rispetto alle versioni RR, rendendo la Xtraining più controllabile nelle situazioni difficili. Viene confermato il telaio perimetrale in acciaio al molibdeno con doppia culla sdoppiata sopra luce scarico. Il peso a secco è limitato a 98 kg.

Beta Xtrainer 2020

Nuove sovrastrutture

Le nuove Xtrainer 2020 adottano nuovi convogliatori d’aria serbatoio, una nuova mascherina ed una nuova protezione manubrio. Il ponte di comando viene impreziosito da un inedito cruscotto digitale mentre il parafango anteriore vanta una geometria a spessore variabile per ridurre il peso massimizzando la rigidezza.