Lo stuntman Günter Schachermayr ha scritto un nuovo primato con la sua Vespa, decollando sulle acque di un lago trainato da un motoscafo

Il suo nome ai più non dirà molto, ma le sue imprese ogni volta balzano agli onori della cronaca per gli appassionati motori.

Dopo essersi lanciato da una mongolfiera a oltre 4.000 metri di altezza, Günter Schachermayr ha deciso di mettere in pratica un’altra delle sue idee folli.

La Kyte-Vespa

Günter ha deciso di provare a entrare per l’ennesima volta nel Guinness dei Primati alzandosi in volo con la sua Vespa dal pontile del lago Wolfgang, in Austria.

Non un raptus momentaneo, ma un progetto durato due anni, durante i quali lo stuntman ha modificato il suo mezzo, scelto le corde e calcolato tutto nel minimo dettaglio.

'

A spingerlo un motoscafo con 380 CV di potenza a disposizione, che inizialmente però non è stato sufficiente al primo tentativo: la Vespa infatti, con i suoi 145 kg, è caduta nell’acqua, ferendo Günter.

Dopo le giuste modifiche però l’obiettivo di raggiungere gli 86 metri di altezza è stato raggiunto.

Buono il decollo, meno l’atterraggio

Dopo essersi assicurato di aver raggiunto la quota prefissata Günter ha cercato di tornare sulla terra ferma nella maniera più dolce possibile. Lui ne è uscito incolume, la sua Vespa no, e dopo il bagno nel lago ha raggiunto il pensionamento forzato.