Oltre 450 partecipanti da 15 nazioni partiranno dal Sestriere venerdì 6 settembre per raggiungere Sanremo. Tra loro anche Franco Picco

Ai nastri di partenza la nuova edizione della Hardalpitour 2019, che dopo 11 anni si conferma l’evento adventouring più seguito e più grande d’Europa.

Il format rimane invariato: la scoperta di paesaggi inconsueti e di strade minori che collegano due località italiane famose nel mondo: il Sestriere e la città di Sanremo.

Il format

“Uno spettacolo sotto forma di viaggio”, così’ gli organizzatori definiscono la Hardalpitour, che ha come filo conduttore il fuori strada, il vero elemento d’avventura.

Per l’edizione che partirà venerdì 6 settembre da Sanremo saranno oltre 450 i partecipanti, arrivati da tutta Europa, e non solo. Il Casinò di Sanremo ospiterà la HAT Night, mentre il Piazzale Dapporto sarà la base dell’HAT Village, creando così un’atmosfera unica in città.

HAT_Adventourfest_c

Come da tradizione saranno 3 i percorsi dell’Hardalpitour: Discovery, della durata di due giorni su un percorso di circa 450 km di livello “facile", è il percorso per chi vuole partecipare a questa manifestazione con un impegno minore ma vivendone comunque l’esperienza; Classic, che prevede circa 24 ore in sella su un percorso di circa 530 km, per affrontare la HARDALPITOUR così come è stata pensata originariamente e Extreme, un vero viaggio-“maratona” della durata di 40-42 ore, su di un percorso di circa 850 km.

Un avventuriero “speciale”

Come ospite d’onore, ma comunque concorrente in piena regola per questa 11° edizione, ci sarà Franco Picco: leggenda italiana della Dakar che tornerà in sella ad una moto Yamaha.

HAT Series 2019

Questa volta sarà la Ténéré 700 la compagna di viaggio del rallysta veneto, e accompagnerà anche i campioni dell’enduro italiano Giuseppe Gallino e Alessio Paoli, istruttori della Blue Bike Camp.

I due enduristi faranno da apripista a tutti i nuovi clineti Yamaha che saliranno in sella alle loro nuove Ténéré 700.