Con un post su Instagram la casa inglese ha annunciato l’arrivo della supersportiva derivata dalla Moto2. Le prenotazioni iniziano oggi, ma la moto sarà disponibile da inizio 2020

Non è certo una sorpresa che Triumph, dopo aver chiuso l’accordo con Dorna per la fornitura di motori (e non solo) in Moto2, abbia lavorato duro per tornare a portare sui banchi di produzione di Hinckley una carenata.

E infatti avevamo già avuto modo di vedere scatti rubati dalle prime “uscite” in test della futura Daytona 765. Oggi però il marchio britannico ha reso ufficiale il ritorno della supersportiva tricilindrica.

La notizia

Con un post su Instagram Triumph ha annunciato che da oggi, 24 luglio, partono ufficialmente le prenotazioni per la Daytona 765, che verrà realizzata in edizione limitata.

 

765 esemplari per il mercato europeo e altrettanti per quello statunitense con tanto di numero progressivo sulla piastra di sterzo. La nuova Daytona sarà presentata durante il GP di Silverstone, e le prime unità saranno consegnate a marzo 2020.

La moto

La derivata dal campionato del motomondiale sarà sicuramente la più potente tra le tricilindriche medie inglesi, ma non è dato sapere se conservi l’attuale potenza dei prototipi Moto2, che supera i 138 CV.

Triumph Moto2: a Silverstone con James Toseland

Il brand Moto2 comparirà sul codino della moto e anche sul messaggio di benvenuto dello schermo TFT in accensione, assicurano fonti vicine a Triumph, rendendo così la Daytona la prima moto ufficialmente derivata da una serie del motomondiale.

Dalle foto rubate durante gli ultimi test si può ipotizzare che tra le dotazioni ci saranno sospensioni Ohlins, pinze ad attacco radiale Brembo Stylema e scarico Arrow, anch’esso derivato dai prototipi della Moto2.

Fotogallery: Triumph Daytona 765 foto-spia