La due e mezzo di Pesaro arriva sul mercato mixando il design heritage della sorella maggiore all’accessibilità delle altre piccole di Benelli

Dopo la TRK 251, versione “small” della enduro stradale pesarese, che insidia nei dati di vendita le regine del mercato, Benelli presenta anche la Leoncino 250, sorella minore della heritage marchigiana.

Il motore

Benelli Leoncino 250 è una naked compatta, facile e condita dal mix di stilemi classici che incontrano un design moderno e di successo, come rivelato dalla Leoncino 500.

Il motore è un monocilindrico 4 tempi da 250 cc raffreddato a liquido, lo stesso che equipaggia gli altri quarto di litro della casa. La distribuzione è a doppio albero a camme in testa, con 4 valvole per cilindro, la frizione è in bagno d’olio e il cambio ha 6 rapporti.

Il monocilindrico esprime una potenza massima di 28,5 CV a 9.250 giri e un picco di coppia di 21 Nm a 8.000 giri.

Benelli Leoncino 250

La ciclistica

Forcella upside-down con steli di 41 mm di diametro e monoammortizzatore centrale con escursione di 53 mm compongono il reparto sospensioni della Leoncino 250, mentre a frenare ci pensano un disco singolo flottante da 280 mm con pinza a 4 pistoncini all’avantreno e uno da 240 mm con pinza flottante a pistoncino singolo su due cerchi da 17” che montano pneumatici da 110/70 e 150/60.

Lo stile

Il telaio, un traliccio in tubi d’acciaio, si integra con il design del serbatoio e del codino, mentre il gruppo ottico a LED è stato rinnovato rispetto alla Leoncino 500.

La strumentazione è digitale e come il resto della gamma, anche Leoncino 250 è caratterizzato dal leone stilizzato sul parafango anteriore, richiamo storico del modello.

Benelli Leoncino 250

Il prezzo

Benelli Leoncino 250 è disponbile nelle concessionarie nei colori bianco, antracite e rosso, a 3.490 euro franco concessionario.

Fotogallery: Benelli Leoncino 250