Debutto sulla pista di Tavullia per Nicola Dutto. Una prova all’americana alla quale oltre a Nicola e Valentino hanno preso parte i ragazzi della VR46

Ogni sabato, libero da impegni del Motomondiale, Valentino e i suoi ragazzi si incontrano per allenarsi e gareggiare sul fantastico tracciato del Ranch.

Spesso ospitano altri piloti per condividere l'atmosfera unica di queste giornata e rendere ancora più divertente e sfidante l'allenamento. Ospite speciale dello scorso sabato è stato Nicola Dutto

La prova all’americana

Dopo una giornata di allenamenti e confronti, alle 21 va in scena la sfida clou. Si tratta di una prova all’americana.

Si disputano diverse manche di due giri con eliminazione degli ultimi due piloti ad ogni giro. La finale, su tre giri, vede lo scontro tra i migliori quattro. Spettacolo e divertimento garantiti. Oltre agli habitué come Morbidelli, Pasini, Migno, Baldassarri, solo per citarne alcuni, spesso vengono invitati amici/colleghi per rendere la sfida ancora più accesa ed interessante.

Dutto Rossi Ranch 2019

Nicola Dutto: esempio di volontà e bravura

Il fuoristradista cuneese ha impostato la sua carriera sportiva con la ferma convinzione di superare qualsiasi ostacolo, qualsiasi limite gli si parasse contro. E’ stato Campione Spagnolo Rally TT (2004-2006) e Campione Europeo e Italiano Baja (2008-2009). Una carriera piena di successi sempre più significativi, che sembrava inesorabilmente interrotta per le conseguenze del tragico incidente accorso il 20 marzo 2010 quando Nicola, a seguito di una caduta a 150 Km/h, perse l’uso delle gambe. Dopo 8 lunghi mesi di riabilitazione inizia nuovamente ad allenarsi per poter ritornare a competere sulle due ruote. Così già nel luglio 2012 torna a gareggiare nella Baja Aragon con una Suzuki RM-Z 450 X appositamente preparata dal concessionario Bianco Moto di Cuneo. Viene dotata di roll-bar protettivo per le gambe, frizione automatica e leva del freno posteriore portata al manubrio al posto della frizione. La gara spagnola sarà solo la prima di una lunghissima e fortunata serie.

Nel 2019 Nicola ha partecipato anche alla prestigiosa Dakar dalla quale è stato squalificato arbitrariamente, dimostrando comunque il suo valore e l’eccellente preparazione che lo avrebbero potuto portare sino al termine della competizione

Il debutto al Ranch

Sabato scorso Nicola ha varcato per la prima volta il cancello del Ranch di Tavullia. Ad attenderlo c’era ovviamente Valentino. I due hanno scambiato diverse battute prima di iniziare a fare sul serio.

Nicola infatti è stato protagonista della sfida più attesa, l’americana. Per non lasciare nulla al caso la sua KTM ha ricevuto pneumatici e set-up specifico per il fondo battuto della pista di Tavullia.

La cronaca ci dice che è stato eliminato al primo turno, ricevendo comunque apprezzamenti e complimenti sinceri da parte degli altri piloti. “Girare nel ranch è stato emozionante - ha dichiarato Dutto - ma allo stesso tempo molto impegnativo perché è difficile capire come far aderire la moto. Sono contento di aver avuto questa opportunità, ho trovato e ricevuto un’ottima accoglienza da parte di Vale e del suo staff. Nonostante il risultato sono soddisfatto della prova che ho fatto, i ragazzi mi aspettano ancora per altri allenamenti”.

Per seguire tutte le attività del pilota cuneese potete visitare il suo sito web.

Fotogallery: Dutto Rossi Ranch 2019