Il tricilindrico inglese è protagonista nel weekend del Mugello: superati i 300 km/h e infranto il record di pista

Triumph sempre più protagonista del motomondiale: dopo 6 gare infatti sono molti i primati di categoria che il motore inglese è riuscito ad infrangere, e il weekend del Mugello non ha fatto eccezione.

I record

Il tricilindrico da 765 cc capace di sviluppare una potenza di 140 CV è riuscito a scrivere un’altra pagina del motomondiale: Nicolò Bulega di Sky Racing Team VR46 durante le seconde prove libere ha superato i 300 km/h, il primo a farlo con una Moto2.

Nel corso delle qualifiche invece Marcel Schrotter di Dynavolt Intact GP ha fatto segnate il nuovo record di pista, seguito da altri 5 piloti dopo di lui. Il record resistava dal 2015 e Schrotter ha girato a più di un secondo dal precedente.

triumph moto2 record

Battesimo della velocità

“Superare i 300 km/h è un risultato storico, una cosa di cui siamo molto orgogliosi” ha commentato Steve Sargent, Chief Product Officer di Triumph “Ed è una ulteriore dimostrazione della superiorità del nostro tre cilindri 765 cc. Ho trovato impressionante vedere piloti con l’anteriore alzato da terra ancora a 250 km/h, segno che il motore ha una spinta che non finisce mai. Quello del Mugello è stato un altro weekend di soddisfazioni per Triumph, che con il suo motore sta spostando avanti i limiti della Moto2 e definendo nuovi standard di prestazioni: i record sono una conseguenza del grande lavoro dei nostri progettisti”