Il 17, 18 e 19 maggio, è prevista sul circuito di Monza una festa dedicata agli appassionati di café racer, scrambler e special. Ci saranno anche alcuni marchi presenti con la propria gamma moto e con test ride aperti a tutti

Si avvicina l'appuntamento con The Reunion 2019, festa dedicata a tutti gli appassionati di moto café racer, scrambler, special e modern-classic, in programma i prossimi 17,18 e 19 maggio presso l'autodromo di Monza.

Organizzata nella storica cornice del cosiddetto “tempio della velocità”, The Reunion prevede gare aperte a tutti, esposizioni dei migliori customizer e una grande festa a base di rock’n’roll prevista la sera del sabato.

Indian e Royal Enfield con le rispettive gamme moto

Per l'occasione sarà presente, tra le altre, Indian Motorcycle, con la nuova FTR1200 e tutta la gamma 2019, compresi i modelli Indian Scout e Scout Bobber.

Anche Royal Enfield sarà protagonista dell'evento puntando i riflettori su alcune moto inedite customizzate e sulla Himalayan "Exclusive Colour"; inoltre, il pubblico avrà anche la possibiltà di salire in sella alle moto della gamma e di assistere sabato 18 maggio al 1° Trofeo Himalayan su fettucciato, aperto a stampa e possessori del modello senza alcun limite di customizzazione.

the reunion 19

Husqvarna presente con Vitpilen e Svartpilen

Anche Husqvarna Motorcycles annuncia la propria partecipazione all’evento The Reunion 2019 con l’intera gamma delle nuovissime Real Street, che saranno esposte e anche disponibili per un test ride.

Gli innovativi modelli Vitpilen e Svartpilen rappresentano la visione all’avanguardia di Husqvarna nel settore delle moto stradali.

Yamaha “Back to the dirt”

La casa di Iwata chiama a raccolta customizzatori da tutta Europa con il progetto Yard Build “Back to the dirt”, che ha coinvolto 9 bike builder di altrettanti Paesi nella personalizzazione della XSR700.

Ispirazione off-road, MX e i miti dei rally degli anni Settanta e Ottanta: queste le uniche regole alle quali si sono attenuti i bike builder di  Austria, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna e Svizzera.

Ci saranno poi i 5 piloti selezionati per lo Swank Rally di Sardegna Classic, che affronteranno un’ultima prova prima di salpare per l’isola dei 4 mori e non mancheranno le gare targate Yamaha: dalla Soft Enduro Race alle Sprint Race, una dedicata a 9 moto dello Yard Built e l’altra alle partecipanti della Sultans of Sprint.