Un brevetto depositato dal marchio indo-britannico lascia pensare che la famiglia delle bicilindriche sia destinata a crescere con un altro nome storico della casa

Non è certo un fulmine a ciel sereno l’indiscrezione che vorrebbe Royal Enfield al lavoro su un nuovo modello bicilindrico.

Dopo il debutto delle Twins Interceptor e Continental GT 650, Royal Enfield ha presentato ad Eicma il concept KX, una bobber con un inedito bicilindrico a V da 838 cc, ispirata all’omonima moto del marchio britannico protagonista nei primi anni ’30.

Royal Enfield, un video mostra le 650 cc a Chennai

La saga continua

Il trend di della casa, vogliosa di riportare in auge nomi noti del passato, potrebbe continuare: vari siti indiani hanno infatti riportato che Royal Enfield ha depositato il brevetto sul nome “Royal Enfield Meteor”, altro modello storico che la casa delle acciaierie reali produsse dal 1952 al 1962.

La Meteor, destinata all’esportazione negli Stati Uniti, era caratterizzata da un bicilindrico in linea da 692 cc, e venne sostituita dopo 10 anni dalla Interceptor. Un fil rouge nel passato del marchio che potrebbe portare un terzo modello per la piattaforma delle Twins di Royal Enfield, con l’ingresso di una nuova Meteor.

Royal Enfield KX, ad Eicma il concept-omaggio al passato

Arriva una bobber?

Facile iniziare ad immaginare quale sarà la linea definitiva della Meteor: le ipotesi più accreditate vedono l'ingresso di una modern-classic con linee ancor più vintage della Interceptor, ma anche l'arrivo nella gamma Twins di una bobber, plasmata sul concept KX.

Difficile che il V-Twin da 838 cc entri in produzione per la Meteor, visto che durante la presentazione al Salone di Milano i vertici Royal Enfield ribadirono che il propulsore era “un esemplare unico, destinato al concept”, più probabile che la Meteor vada ad allargare la piattaforma delle attuali bicilindriche, visti anche i buoni numeri riscontrati dal loro debutto.