Dopo quattro gare la classifica del mondiale è cortissima. Ma Marc Marquez resta comunque superiore

Quattro piloti in nove punti dopo quattro gare è sicuramente una bella notizia, perché rende questa stagione 2019 della MotoGP ancora più bella e spettacolare.

Però va detto che non rappresenta perfettamente i valori "in campo". Perché se è vero che, nell'ordine, Marquez, Rins, Dovizioso e Rossi sono vicinissimi – con ciascun pilota che in una gara potrebbe prendersi la leadership della classifica piloti – è vero anche che il primo fa un altro mestiere rispetto a tutti gli altri, come ha dimostrato anche a Jerez ieri.

live prove motogp

Marquez fa un altro mestiere

Per "fortuna", però, Marc è umano e ogni tanto commette qualche errore: lo zero di Austin pesa moltissimo in tal senso. Però anche quando sbaglia lo fa quasi sempre mentre domina, confermando dunque la sua superiorità lampante.

Rins è una bella scoperta di questa stagione, dopo la vittoria in America si è riconfermato tra i grandi anche in Spagna e ora è lì sù tra i big, ad un solo punto di distacco da Marquez.

Dovizioso a Jerez ha cercato di tirare fuori il massimo da una Ducati che in gara (e dunque sul passo) ha brillato meno di quanto invece ha fatto nel corso delle prove.

Per Rossi il bicchiere è mezzo pieno

Valentino Rossi invece guarda il bicchiere mezzo pieno e si prende quanto di buono viene fuori da questo weekend di Jerez: il sesto posto non è entusiasmante, ma diventa positivo rispetto alla tredicesima posizione sulla griglia e nel complesso la Yamaha sembra stia andando (come lo stesso Dottore ha confermato nel post gara) nella giusta direzione, coma confermato anche dall'importante podio di Vinales (gran gara).

Due note dolenti

Due invece le note dolenti di Jerez. La prima riguarda la prestazione in ombra di Lorenzo su un circuito dove ci si aspettava il riscatto: il majorchino ha poi dichiarato che continua a non avere il feeling giusto con la moto, soprattutto in inserimento in curva.

La seconda riguarda la sfortunatissima gara di Fabio Quartararo: dopo la pole dei record meritava di salire sul podio e probabilmente senza problemi tecnici ci sarebbe riuscito alla grande. Peccato davvero.