Non si ferma l’ondata di frodi architettate con furbizia a danno dei motociclisti di tutta Italia

Allarme Ivass (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni): la distribuzione di polizze assicurative tramite il sito www.assicurazionifacili.org è irregolare. Le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati.

Ma attenzione: il sito www.assicurazionifacili.org utilizza perfino il numero di iscrizione al Registro Unico degli Intermediari (RUI, tenuto dall’Ivass) di un intermediario regolarmente iscritto. Così che la vittima cada in trappola più facilmente quando cerca una Rc moto, specie se temporanea.

Tutti vittime

Lo stesso intermediario è del tutto estraneo alle attività svolte tramite il sito in questione. E ha segnalato i fatti all’autorità giudiziaria.

Così, le vittime sono due: il motociclista che abbocca e compra una Rc moto temporanea, e il broker stesso. Per quanto riguarda il cittadino, sono guai: se causa un incidente, paga tutti i danni.

L’Ivass raccomanda di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea. I pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari.

Lesioni fisiche: disastro

Se la moto, senza Rc, causa un sinistro con danni ad altri veicoli, possono ballare migliaia di euro di risarcimento.

Però se causa un incidente con lesioni fisiche, il conto lievita, raggiungendo i milioni di euro per i morti e gli invalidi. Ci si rovina l’esistenza per pagare una Rc moto ultra low cost temporanea, di dubbia provenienza. Quindi il consiglio è di affidarsi a compagnie note e dalle policy trasparenti.