Dai monopattini agli hoverboard, la mobilità del futuro approda alle camere della politica italiana,e presto in strada

Ministero dei Trasporti attivissimo: il decreto attuativo per avviare la sperimentazione urbana della micromobilità elettrica è pronto.

Verrà condiviso con le altre amministrazioni coinvolte e con gli enti locali: l’obiettivo è avviare le sperimentazioni di monopattini elettrici, segway, monowheel e hoverboard nelle città italiane dall’estate 2019.

Di cosa parliamo

Se i monopattini elettrici li conoscono tutti, il segway è meno noto: un dispositivo di trasporto personale che mixa informatica, elettronica e meccanica. Tutto si basa su un sistema di controllo in retroazione, con di sensori di rotazione, che imita l'equilibrio umano.

Mentre il monowheel è uno strumento dotato di una ruota sola, e l’hoverboard è uno "scooter autobilanciante", a due ruote paralleli: grazie a sensori giroscopici, mantengono un equilibrio orizzontale.

Dispositivi nuovi, che hanno dato qualche grattacapo legale, visto che il Codice della Strada (del 1993, antiquato e ormai da riscrivere da capo a piedi) non li contempla in modo esplicito.

e-Kick, il monopattino elettrico di Peugeot

Prossimi passi

Il ministero dei Trasporti auspica un rapido iter di condivisione da parte delle altre istituzioni, così “da fare tutti insieme un nuovo importante passo in avanti verso una mobilità veramente green che consentirà di offrire nuovi mezzi di trasporto nell’ottica dell’intermodalità a zero emissioni”, così dice una nota ufficiale.

Saranno i sindaci a delimitare le aree in cui avviare la sperimentazione.