È una delle novità che potrebbe modificare il Codice della Strada

Sulle autostrade e le tangenziali potranno circolare anche gli scooter 125 (ossia i mezzi con cubatura fino a 149 cc), a patto in sella ci sia un maggiorenne: lo prevede una norma che vuole modificare il Codice della Strada.

In Parlamento, infatti, si discute di una rivoluzione delle regole.

Come nel resto d’Europa

Se i 125 avranno disco verde, l’Italia si allineerebbe al resto dell’Unione Europea: siamo gli unici ad avere questa limitazione (da 150 cc insù) alla circolazione.

La misura è voluta sia dal M5S sia dalla Lega nel testo base che verrà inviato agli altri gruppi parlamentari: la maggioranza ha trovato un accordo nella Commissione Trasporti; a fine aprile la discussione in Aula. Via libera alle moto elettriche in autostrada.

Per i motociclisti si valuta l’obbligo di dotarsi di abbigliamento tecnico protettivo, per i ciclisti - potranno circolare nelle corsie gialle attualmente riservate a taxi e autobus - quello di indossare il casco.

Velocità: 130 o 150 km/h?

Intanto, la Lega insiste per i 150 km/h in autostrada: oggi il limite è di 130, e i gestori possono alzarlo a 150 dove i tratti sono sicuri, ma nessuna concessionaria l’ha fatto.

Domani, se la norma diverrà realtà, negli stessi tratti sicuri i gestori saranno obbligati per legge ad alzare il limite da 130 a 150 km/h.

Smartphone: giro di vite

Per chi guida col cellulare in mano (la novità riguarda anche chi va in moto), giro di vite: sospensione della patente da sette giorni a trenta, e da uno a tre mesi nel caso di reiterazione dell’infrazione.

Previste multe salatissime: da 422 sino ad un massimo di 1.697 euro, e la Polizia potrà pizzicare il trasgressore pure col telelaser. Eliminata la norma sul divieto di fumo, cancellata dal testo base.

Bici contromano: palla ai Comuni

Per quanto riguarda le bici contromano, lo spazio ad hoc per le due ruote davanti ai semafori e allo stop agli incroci e l’utilizzo delle botticelle saranno i Comuni a decidere. Viene lasciata dunque libertà ai primi cittadini.

Droga: parola alla Polizia

Maggiori poteri anche alla Polizia Stradale che quando e se lo riterrà opportuno potrà sempre effettuare rilievi per capire se un guidatore ha assunto sostanze stupefacenti mentre ora questa discrezionalità è possibile solo se il guidatore manifesta segni di alterazione.

Altre misure previste

Gratuità dei parcheggi destinati ai disabili, strisce rosa per le donne incinte, facilitazioni a chi colleziona auto storiche con l’abolizione della tassa di possesso e introduzione nel codice della strada dei mezzi categorizzabili di micro mobilità elettrica di piccola taglia come i segway, i monopattini, gli skate e gli hoverboard.