Funzionali e ricche di stile, inconfondibili e dal look vintage: le scrambler sembrano la risposta alle domande di molti motocilisti italiani

In origine erano “ibridi” creati in officina: moto stradali opportunamente modificate per scorazzare nelle campagne inglesi o nelle immense terre incolte degli Stati Uniti d’America. E’ nata così la scrambler, come un esperimento ben riuscito che ha presto preso piede tra gli smanettoni e gli appassionati.

La ricetta era semplice: bastava montare gomme tassellate, spogliare la moto di tutto il superfluo, allungare la corsa delle sospensioni, alzare lo scarico per evitare di rimanere a piedi sul modello e, all’occorrenza, sostituire il manubrio con uno di quelli in dotazione alle più specialistiche enduro.

Il fascino delle scrambler ha saputo resistere al cambio dei tempi, anche grazie ad icone come Steve McQueen che hanno contribuito ad alimentarne il mito, e oggi, senza cimentarsi in più o meno probabili modifiche “fai da te”, queste moto rappresentano un sotto-segmento che piace e ha dalla sua buoni risultati.

Ecco la nostra personale selezione (non è una classifica), delle scrambler più belle e convincenti del mercato attuale.