Presentato il nuovo scooter SR Motard e l'SRV850

Le novità per la Casa di Noale sono due scooter: SR Motard e SRV850, oltre naturalmente alle colorazioni rinnovate per Dorsoduro 750 e 1200, Shiver 750, Shiver GT, RSV4 R APRC (e Factory) e Tuono V4 R APRC. Il primo è un 125 (disponibile anche 50cc), mentre l'altro è un maxi-scooter che sfrutta la base tecnica del Gilera GP 800.

SR MOTARD

Non pensate al supermotard, contrariamente a quanto possa suggerire il nome, l'SR Motard è uno scooter di piccola cilindrata adatto all'utilizzo cittadino. Aprilia si è però ispirata al mondo delle supermoto, per via della facilità di guida di questo piccolo scooter. La base è quella del Gilera Typhoon, ma i tecnici hanno rivisto il design del manubrio, ora più sportivo, e tutto il gruppo ottico anteriore, scudo e "becco" compresi, che ora richiamano al mondo dell'off-road. La pedana piatta migliora la capacità di carico ed i cerchi neri da 14", a cinque razze sdoppiate, esibiscono un design deciso e sportivo mutuato dalle moto da gara Aprilia. La sella ampia e comoda riprende sui lati la grafica della carrozzeria. Le colorazioni sono tre: nero, bianco e arancione rame opaco.

Le motorizzazioni sono due: la prima è un 125 4T, mentre l'altra è un 50 2T. Il telaio, in tubi di acciaio accoglie all’anteriore una forcella telescopica, mentre al posteriore lavora un mono idraulico a doppio effetto collegato col gruppo trasmissione che funge da forcellone. Alla frenata ci pensano un disco anteriore da 220 mm ed un tamburo posteriore da 140 mm.

SRV850

Veniamo ora all'Aprilia SRV850. Come già detto più volte deriva dal Gilera GP800, e dunque monta il propulsore bicilindrico a V di 90° che qui raggiunge una potenza massima di 76 CV a 7.750 giri/min. La novità sta nelle due nuove sonde lambda che consentono alla centralina di controllo motore di ottimizzare la gestione del titolo della miscela su ciascuno dei due cilindri. Tutto questo a favore della combustione, con la conseguente regolarità di funzionamento al minimo e la progressività ed elasticità di coppia ai medi regimi che ne conseguono. Il nuovo sistema ottimizza i consumi e permette all'SRV850 di rientrare tranquillamente nella normativa Euro4.

Il telaio (a doppia culla realizzato in tubi di acciaio), le sospensioni (la forcella da 41 mm è rivista nella taratura, il mono idraulico è montato lateralmente in posizione orizzontale, regolabile nel precarico molla in ben sette posizioni) ed i freni (all’anteriore, troviamo delle pinze flottanti a doppio pistoncino Brembo Serie Oro e due dischi semiflottanti in acciaio da 300 mm, al posteriore, è montata una pinza flottante a due pistoncini contrapposti che agisce su un disco in acciaio da 280 mm) sono i medesimi.

A cambiare completamente è la parte del design. Il frontale deriva dalla RSV4, con il triplo faro anteriore e le prese d’aria sotto il gruppo ottico. Sopra questi, troviamo il cupolino racing.
Parafango anteriore e specchietti (integrano gli indicatori di direzione), si rifanno anch'essi allo stile racing di Aprilia. I due braccetti dei manubri sono in alluminio e nuova è anche la strumentazione.
La sella è in tessuto Hi-Tech, e proseguendo, troviamo il codone che ingloba il gruppo ottico a tecnologia LED.

Fotogallery: Aprilia SR Motard