L’atelier di Modena, conosciuto soprattutto per le sue special a quattro ruote, presenta una inedita Scrambler su base BMW R NineT ispirata alle moto inglesi tuttofare degli anni ’20.

Impossibile non rimanere attratti dalle linee e dalla cura costruttiva dalle creazioni di Ares Design. L’atelier modenese è diventato un nome noto soprattutto grazie alle elaborazioni a quattro ruote, ma con la Ares Design Scrambler ha dimostrato ancora una volta che lo stile non conosce confini.
Design iconico e soluzioni tecniche realizzate ad hoc caratterizzano questo modello, che sarà costruito in 25 unità.

ares design scrambler

Il design

La volontà degli stilisti di Ares è stata quella di donare a questa special una connotazione da vera scrambler. Per questo la loro matita si è ispirata alle moto inglesi che dagli anni ’20 del secolo scorso venivano appositamente preparate per gareggiare tra i check-point nella campagna inglese.

All’epoca esistevano solo moto stradali, non adatte all’uso promiscuo su sentieri, fango e guadi. Erano poche e mirate le modifiche dei centauri di allora per alleggerire la cavalcatura del superfluo e renderla più adatta alla guida nel countryside.

Questa scrambler nasce sulla base tecnica della BMW R NineT, una moto personale nello stile e molto apprezzata, che ha subito interventi importanti nelle sovrastrutture per una caratterizzazione unica e totale. I

Il serbatoio è in fibra di carbonio e si ispira nei volumi alle moto bavaresi degli anni ’60, la sella è stata completamente ridisegnata ed è realizzata in pelle.

Nuovi anche i cerchi a raggi (Kineo, 19” anteriore 18” posteriore), i parafanghi ed il faro anteriore, realizzato anch'esso in fibra di carbonio. Gli indicatori di direzione a LED sono minimalisti, per non interferire nella silhouette di questo modello.

ares design scrambler

La tecnica

Il bicilindrico boxer raffreddato ad aria di 1.170 cc capace di 110 CV è stato completamente rivisitato nell’estetica per integrarsi con il design delle sovrastrutture attraverso l’applicazione di cover in alluminio di colore nero con griffe cromate. Lo scarico è stato realizzato appositamente per questa scrambler, di colore nero opaco con il finale biconico in alluminio.

La sfida probabilmente più significativa ha riguardato il retrotreno caratterizzato per la donor bike BMW da un forcellone monobraccio con monoammortizzatore e qui convertito dai tecnici di Ares in un forcellone bibraccio con due classici ammortizzatori a molla. A mordere i due dischi all’anteriore provvedono adesso una coppia di pinze Beringer a 6 pistoncini.

Nuovi anche il filtro aria racing, il più largo manubrio e gli pneumatici tassellati Continental TCK80. La moto mantiene gli ausili alla guida della BMW standard quali ABS e Traction Control.

Una moto speciale, con un prezzo speciale. Per portarsela a casa servono infatti 49.000 euro.

Fotogallery: Ares Design Scrambler