Red Bull dedica al pilota spagnolo un documentario-tributo e una special firmata Deus Ex Machina

Dani Pedrosa è stato uno dei protagonisti assoluti dell’ultima decade del MotoGP, e la notizia del suo ritiro dalle corse ha, a modo suo, chiuso un’epoca nel Motomondiale. Oggi “El Cabroncito”, appeso il casco col numero 26, di professione fa il tester per KTM, e Red Bull ha deciso di omaggiarlo con un documentario: The Silent Samurai


Guerriero silenzioso


Un titolo che racchiude lo spirito dello spagnolo, sempre al suo posto, ma determinato come pochi: una carriera costellata dagli infortuni, alcuni anche banali, e uno stile di guida che metteva in conto la caduta, pur di arrivare al risultato. Alti e bassi di una storia che dal 2001 ha fatto sognare milioni di tifosi, una scelta di vita, quella legata ad Honda, interrotta solo a fine carriera, raccontati dallo stesso protagonista in un film che esalta la persona sopra il pilota.


La moto


Protagonista, insieme a Pedrosa, è anche la Honda CR 500 Tracker che Deus Ex Machina ha realizzato per lui. Un pezzo unico plasmato da Mike Woolaway, ex pilota e customizzatore di punta del brand australiano, sui gusti di Dani. Il risultato è una moto da flat track “street-legal” che potrebbe dire la sua anche sull’ovale sterrato. Telaio realizzato ad-hoc in acciaio al cromo molibdeno, sovrastrutture il alluminio, piastra di sterzo firmata Dave Durelle, monoshock creato su misura da Race Tech, forcella Ohlins da 43 mm specifica per il dirt track, cerchi da 19” Dubya e carburatore Lectron sono gli highlights della special creata per Pedrosa, che si vede bene anche nello “short-cut” del film che potete guardare in fondo all'articolo. Chi invece volesse approfondire e guardare la versione estesa può visitare il sito di Red Bull alla sezione video.