Ispirata all’omonimo modello degli anni ’30, la moto è stata progettata e realizzata in 6 mesi

La brutta notizia è che rimarrà solo un concept, come già annunciato dal marchio indo-britannico, la buona è che è un piacere per gli occhi la Royal Enfield KX, passata dagli sketch alla realtà in soli 6 mesi, grazie al lavoro all’unisono dei designer nei centri sviluppo di Leicester e di Chennai.


Un mix elegante


Nei primi anni ’30 la KX di Royal Enfield venne definita dalla casa britannica come “Il lusso fatto motocicletta”, grazie anche al motore a V da 1.107 cc che equipaggiava la moto. E proprio dal V-Twin sono partiti i designer per modellare il concept KX. Due le idee: una futurista e l’altra radicata alle linee del passato hanno trovato armonia nella versione finale del prototipo, che trova un equilibrio che affascina sia gli amanti delle moto rétro che i motociclistiche cercano l’high-tech ovunque.


La moto


Il frontale proietta la KX verso il futuro, ma senza dimenticare le origini: il grande faro Full-LED è incastonato in una forcella Girder dalle linee inedite e anch’esse futuriste. Il retro invece, con la sella singola e il monoshock centrale a proseguire la corsa del telaio ricordano le moto belliche. Tanti i particolari in CNC, e anche la verniciatura della moto è frutto di un processo accurato, con scarico e dettagli del motore in nero, sella in pelle color noce e dettagli color rame rame sul serbatoio verde.

Fotogallery: Royal Enfield KX