Con l’edizione 2018 alle porte gli organizzatori fissano già gli obiettivi del prossimo anno

Per gli amanti delle supersportive a due e quattro ruote la sigla BOIR, o il suo nome completo, Best of Italy Race, suonerà tutt’altro che nuovo. Dal 2015 infatti la manifestazione porta in Emilia Romagna una selezione di supercar e moto da sogno per un weekend di esibizioni e percorsi tra le strade più belle della Motor Valley italiana. Nonostante manchino ancora due mesi all’edizione 2018, gli organizzatori, ospitati nella sede di Pakelo Lubrificants, hanno trovato tempo e modo di presentare quello che succederà nel 2019.


Italia vs Resto del Mondo


Sarà questo il tema della Best Of Italy del prossimo anno: il design e la maestria italiana sfideranno l’ingegneria tedesca, le cubature americane, la tecnologia giapponese e le eccellenze motoristiche di tutte le altre nazioni, in una sfida che si preannuncia a dir poco accesa. Protagoniste saranno le moto, che nel piazzale della sede di Pakelo hanno rubato la scena: special dalla firma nota come la Triumph Gerolamo di Mr. Martini o la Moto Guzzi Severa di Nico Dragoni hanno condiviso gli spazi con i prototipi da MotoGP, come la Ducati Desmosedici RR del Team Barni e altre superveloci come la Laverda Formula Racing di Tre C Moto o la GC 01 Kit Varano di Guareschi Corse. Un antipasto di quello che si potrà vedere il prossimo anno, ma anche un invito a seguire l’edizione 2018, che partirà il prossimo 14 settembre.

Fotogallery: Best of Italy Race, verso il 2019